Proposta di Legge Regionale del 2009.pdf


Preview of PDF document proposta-di-legge-regionale-del-2009.pdf

Page 1 2 34545

Text preview


Proposta di Legge Regionale per la tutela dei settori dell’artigianato artistico e dei locali storici di Puglia

Associazione nuovo centro storico di Lecce
Proposta di Legge Regionale per la tutela dei settori
dell’artigianato artistico e dei locali storici di Puglia.

Preambolo
L’artigianato artistico, gli “antichi mestieri” ed il commercio al dettaglio sono le tradizionali attività
svolte nei centri storici italiani dal medio-evo fino ai giorni nostri ed hanno fondato e plasmato il
nostro tessuto culturale, urbanistico, sociale e produttivo: fino a quarant’anni fa ciò è stato vero
nonostante la “rivoluzione industriale” dell’800 e la susseguente selvaggia accelerazione della crescita del mercato. Fino ad allora, infatti, un costante ricambio generazionale ha assicurato il mantenimento delle peculiarità locali in svariati settori (dall’agricoltura all’artigianato alla gastronomia,
e così via), nonostante le condizioni dell’economia abbiano lentamente svantaggiato alcune attività
in favore di altre ed il progresso abbia portato al declino ed all’abbandono delle forme di lavoro più
arcaiche o nocive alla salute umana ed ambientale.
Solo da pochi anni, però, si è presa coscienza di due aspetti cruciali:
- la veloce scomparsa, da una parte, delle forme tradizionali di artigianato artistico (quelle, per intenderci, delle vecchie botteghe d’arte dei doratori, degli scultori, dei cartapestai, dei decoratori di
maioliche, dei vetrai, degli ebanisti e dei maestri del ferro battuto, etc.) e del commercio (si intende
la piccola distribuzione, magari da decenni nello stesso locale, nello stesso settore merceologico e
con le stigliature d’epoca, radicata profondamente nel sentimento comune dei cittadini),
- l’importanza, dall’altra, della sopravvivenza delle forme tradizionali dell’artigianato artistico e del
commercio in quanto parti fondamentali ed insostituibili dell’identità popolare, di attività di attrazione e fruizione turistica in quanto struttura basale su cui imbastire e sviluppare i progetti di
riqualificazione e rivitalizzazione urbana dei centri storici.
Gli ultimi venti anni di speculazione immobiliare subita dai centri storici (l’induzione al trasferimento dei residenti, l’accaparramento degli edifici a prezzi bassissimi, l’accesso ai finanziamenti