PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Send a file File manager PDF Toolbox Search Help Contact



MC101212 .pdf



Original filename: MC101212.pdf
Author: c.salvi

This PDF 1.5 document has been generated by Microsoft® Office Word 2007, and has been sent on pdf-archive.com on 30/01/2013 at 16:04, from IP address 193.178.x.x. The current document download page has been viewed 646 times.
File size: 424 KB (7 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


lunedì, 10 dicembre 2012
Il Grillo, il Principe e la Terza Repubblica
Alcuni consigli a Beppe sui candidati, sul governo e sul nuovo Capo
dello Stato

«… li buoni consigli, da qualunque venghino, conviene naschino dalla prudenzia del principe, e non la prudenzia del principe da' buoni consigli.» (Niccolò

Machiavelli, Il Principe, cap. XXIII)
«…quindi dateci una mano piuttosto che martellarci, a me e a Casaleggio, di darci delle
martellate in testa, dateci consigli, una mano, abbiamo bisogno tutti uno dell’altro.
Grazie.» (Beppe Grillo, Comunicato n. 53, beppegrillo.it)
di Pino Cabras – Megachip.
Quando Niccolò Machiavelli compilò quasi tutti i capitoli della sua opera più
famosa, Il Principe, era il 1513. Mezzo millennio fa. L’autore osservava
un’Italia debilitata, soggetta a mani barbare che la spossessavano. Machiavelli
scrisse il Principe per trovare soluzioni politiche pratiche e per immaginare un
soggetto forte che le mettesse in atto. Pensava che nella crisi di allora ci fosse
comunque un’opportunità.
Esattamente cinque secoli dopo, l’Italia – in condizioni storiche certo assai
diverse - è di nuovo la preda di poteri che la percorrono, la derubano, la
dividono.
Anche nella crisi di oggi sorgono opportunità e pericoli affrontati da nuovi
interpreti. Cambieranno presto molti di questi interpreti, muteranno i partiti
politici, e in mezzo a questo tramutare in molti già ora vogliono dire la loro,
esserci, sfiorare i panni che il Principe potrà vestire. Da qui i consigli, le
adulazioni, le demonizzazioni.
Da qui anche il mio divertimento nell’accostare la frase di Machiavelli e quella
di Beppe Grillo, ossia il soggetto politico che turba il sonno dei Principi decaduti
riparatisi dietro Rigor Montis. Che Principe avremo nel 2013? Monti?
Berlusconi? Bersani? O proprio Grillo? Andiamo con ordine.
Spero che tutti abbiano ben presente che le elezioni politiche, ormai
vicinissime, non decideranno solo la sorte di un parlamento e di un governo.

Cambieranno per prima cosa il Principe che abita al Quirinale. Il quale Principe
conta parecchio. Abbiamo visto quanto egli sia stato decisivo per imporci il
governo di tecnocrati neoliberisti, scelti fra i minori economisti della nostra
epoca, e quanto abbia trafficato per mettere in mani lontane la già poca
sovranità che avevamo. La combinazione fra nuovo Presidente della
Repubblica, nuovo parlamento e nuovo governo avrà un effetto durevole. Se
non fosse ancora chiaro, lo ribadisco: sarà in questi mesi che si deciderà
l’impronta della Terza Repubblica.
In Italia ricorrono i cicli ventennali, e durano così tanto perché chi li guida
vince all’inizio. Monti e Napolitano hanno preparato il terreno per un nuovo
ciclo ventennale, anche se non lo amministreranno certo tutto loro, bensì
Bersani, Vendola e gli altri vassalli dell’Impero. Il Fiscal Compact, il patto di
bilancio europeo, è appunto un vincolo ventennale, che loro hanno già
accettato. È un incubo lunghissimo, al termine del quale, rispetto a mezzo
millennio fa, mancheranno solo i lanzichenecchi. E non è nemmeno detto che
ce li faranno mancare.
Chi si oppone a questo incubo?
Si oppongono forse i partiti che hanno ereditato l’elettorato di sinistra? No di
certo. Hanno consegnato milioni di elettori, docili come agnellini, agli strateghi
di scuola Goldman Sachs e Bilderberg, da Prodi a Draghi a Monti. Altri
milioni di elettori, che a un certo punto hanno capito l’andazzo, hanno iniziato
a non votare. Altri ancora, specie gli intellettuali, hanno giocato troppo a fare
l’ala sinistra del centrosinistra. Fanno errori infiniti, ripetono sempre le
stesse mosse e imparano dagli errori troppo lentamente rispetto all’accelerarsi
della Storia. Hanno pure bei programmi, ma caos organizzativo totale.
I partiti di destra che hanno orbitato intorno a Berlusconi – nel frattempo sono nel marasma. Ci provano pure a sottintendere un mondo senza Monti,
senza questa Europa dittatoriale, senza Fiscal Compact. Ma si vede da lontano
che non hanno uno straccio di idea, fino a subire il ritorno della mummia di
Arcore.
Poi c’è Grillo. Che non è un fungo spuntato dal nulla. L’attore genovese ha
guadagnato il suo primo sostrato di popolarità dalla sua originaria caratura di
personaggio televisivo, ben oltre vent’anni fa, e ha integrato questo patrimonio
con lo specifico del teatro, infine lo ha riportato sul terreno di internet e poi
nelle urne elettorali. È stato un lavoro lungo. Lo ha rivendicato lui stesso: «Io
ho cominciato vent’anni fa girando il mondo, visitando laboratori, intervistando
ingegneri, economisti, ricercatori, premi Nobel. Ho rubato conoscenze ai
grandi. Mi sono informato, mi son fatto un culo così, anche se molti mi
prendono per un cialtrone improvvisatore. E ora questi pensano di metter su
movimenti in quattro e quattr’otto.» Non posso dargli torto.
C’è stato dunque un lavoro organizzativo e ideologico, in cui Grillo ha costruito
una narrazione, affidandosi saldamente a un pilastro patrimoniale, la sua
azienda, a suo agio con i meccanismi della società dello spettacolo. Da un certo

punto in poi Grillo non ha più mosso un solo passo senza il suo socio di ferro,
Gianroberto Casaleggio, anch’egli fermissimo nel costruire un partitoazienda. Mentre il partito-azienda di Berlusconi voleva far durare eternamente
gli anni ottanta del XX secolo, il partito-azienda di Grillo e Casaleggio ha voluto
promettere in anticipo gli anni ottanta del XXI secolo. Due narrazioni opposte,
ma entrambe lontane dalle forme di attività politica del partito-massa
novecentesco, ed entrambe consapevoli che siamo dentro un grande show.
Grillo ha via via rafforzato il suo efficiente modello imprenditoriale in cui c’è
sinergia fra il suo blog, gli spettacoli, un certo networking su temi politici,
sociali e ambientali che esalta protagonismi giovanili e buone pratiche
amministrative, fino a portarlo in politica nel Movimento Cinque Stelle.
Per i temi che propone, e per il fatto che si oppone frontalmente e senza
compromessi a un ceto politico terribilmente screditato, il Cinquestelle è
diventato il punto di coagulo dell’opposizione, l’unico attualmente in grado
di portare in Parlamento rappresentanti non organici al "Pensiero Unico". La
creatura ha raggiunto elettoralmente e mediaticamente una massa tale da
affascinare nuovi votanti disposti a sospingerla in alto. In questo modo, Grillo e
Casaleggio si trovano buone carte in mano da giocare per la partita della Terza
Repubblica. Finora hanno scelto di non cambiare il loro gioco. Poiché la partita
si disputa adesso, le contraddizioni in seno ai Cinquestelle si notano di più. Ad
esempio la retorica «uno vale uno» e la «democrazia diretta» cedono il passo
al «comunicato 53» del 29 ottobre 2012, nel quale Grillo dichiara: «io devo
essere il capo politico di un movimento», laddove impone una regola
inderogabile per decidere chi si può candidare: «chiunque sia stato iscritto a
una lista comunale o regionale», e nessun altro.
Poi si scopre invece che sono state concesse eccome delle deroghe, e si sono
posizionati bene nelle liste anche candidati che non avevano mai fatto parte di
liste locali, mentre altri in analoghe situazioni o perfino ex candidati non
potevano partecipare, stoppati dallo staff dei capi. Misteri del Casaleggium.
Come si spiegano? Quale questione di fondo sollevano? C’è solo da capire, non
da gettare la croce su qualcuno.
La questione è semplice. Nemmeno i Cinquestelle si sono finora sottratti alla
«legge ferrea dell’oligarchia» dei partiti, enunciata nel 1911 da Robert
Michels, un politologo tedesco. Cosa dice, in sostanza, questa regola secolare?
A dispetto di una struttura democratica aperta alla base, nel partito tende
sempre a formarsi una struttura comandata da un numero ristretto di dirigenti
che godono di risorse informative, finanziarie e organizzative asimmetriche. Le
gerarchie possono essere esplicite o implicite, palesi o in ombra, ma pesano
comunque in modo decisivo. Questo vale per grandi partiti massa, ma diventa
stridente in una formazione che rivendica di avere un “non-statuto” e si rimette
solo alle regole del codice civile sulla proprietà dei marchi, proprio mentre
spende ogni parola possibile in favore della “democrazia diretta”. Tutto ciò può
funzionare in un’azienda, può procedere bene in una piccola comunità. Ma
quando la dimensione dell’azione politica si estende a un paese di sessanta
milioni di abitanti, la democrazia rappresentativa è l’unica cosa che può
reggere. Lo stesso Grillo lo ammette: «Fosse dipeso da me, ci saremmo

fermati ai comuni e alle regioni, il movimento è nato dimensionato sulle realtà
locali. Il Parlamento è fatto su misura dei partiti. Ma ora come fai a deludere le
aspettative di tanta gente? Ci costringono a presentarci alle politiche.»
L’ideologia dell’«uno vale uno» su questa scala non funziona dunque più,
amen.
Certo, Grillo ribadisce che non vuole portare in parlamento chi ha «il Dna
corrotto dall’organizzazione-partito. E poi ci inventiamo un meccanismo di
democrazia partecipativa per far governare i cittadini». Ma in attesa di tutto
questo, nella realtà effettuale il capo è lui. E lui decide chi c’è e chi non c’è. La
decisione avviene all’interno di un bacino ristretto di candidati, determinato
con regole dichiarate rigidissime e nondimeno occasionalmente aggirate con il
consenso del vertice. Le «parlamentarie», con il voto di alcune decine di
migliaia di italiani, ratificano.
Spettacolare contraddizione: un partito che esalta la democrazia diretta contro
la democrazia rappresentativa accondiscende pragmaticamente a meccanismi
di selezione fra pochi cittadini strettamente vigilati da un’élite circoscritta.
Militanti e elettori del M5S farebbero bene a trarre una prima lezione: a questi
livelli, la rappresentanza non consiste nel fare di un parlamentare un
“dipendente” che agisce solo da portavoce. I padri costituenti c’erano già
arrivati senza sbatterci il muso. Ora, Grillo ha fatto un pantheon dei “santi
laici”, includendo tra gli altri Aldo Moro. Benissimo. Ma Moro e gli altri
costituenti scrissero non a caso l’articolo 67 della Costituzione: «Ogni membro
del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza
vincolo di mandato». Il terreno di azione costituzionale possibile oggi è
questo e non altro.
Perciò il meccanismo di selezione della rappresentanza scelto da Grillo e
Casaleggio - e ratificato tra i mugugni dagli attivisti cinquestelle – insiste
narrativamente a dire “democrazia diretta”, ma non la può attuare davvero,
con il risultato di produrre delle liste terribilmente modeste. E allora mi
chiedo: come potrebbe l’Italia, pur stufatasi di Monti e disgustata da
Berlusconi, affidarsi a queste liste? Le recenti elezioni regionali siciliane ad
esempio, hanno sì dimostrato che Grillo è in boom, ma non intercetta gran
parte dell’astensione. Col risultato che governano altri.
Stanti così le cose, non ci dovremmo attendere un risultato diverso su scala
nazionale.
Ecco il punto: voglio credere ancora che Grillo non si accontenti di un risultato
modesto e colga invece l’occasione storica, per quanto essa faccia tremare i
polsi. Prendo spunto dal suo appello, quando chiede: «dateci consigli, una
mano, abbiamo bisogno tutti l’uno dell’altro». Spero che si tratti della
«prudenzia del principe» che fa sorgere i «buoni consigli».

Il consiglio è semplice, caro Grillo: non limitarti a dire «sono il capo politico di
un movimento», cioè l’ennesimo (ancorché originale) capopartito, alla guida di
un ennesimo (seppur eccentrico) partito.
Prova invece a esercitare una leadership più vasta e più utile al sogno che
hai dichiarato. Ricordi la domanda di Travaglio: «Come te lo immagini, il
prossimo Parlamento?» E tu: «Me lo sogno pieno di rappresentanti di tante
liste civiche, movimenti di gente perbene. Ragazzi, professori, esperti. I nostri
di Cinquestelle, i No-Tav, quelli dell’acqua pubblica, dei beni comuni, gli altri
referendari.»
Bello, ma finora hai invece determinato la formazione di liste dalle dinamiche
molto partitiche, troppo lontane da quel sogno.
Perché è accaduto? I recenti successi elettorali hanno attirato frotte di
“soccorritori del vincitore”: gente incontrollabile, in grado di corrompere
irrimediabilmente la forza politica plasmata finora dal fondatore. La decisione
dal vertice dell’azienda – chiudersi - è stata una decisione d’emergenza,
«sennò ti entra Toto u curtu e poi ce lo hai tutta la vita dentro, Toto u curtu»,
dice Grillo.
La cosa si comprende perfettamente. Un leader che ha costruito una sua
reputazione nell’arco di decenni agisce d’imperio per preservarla, perché è la
risorsa chiave che alimenta il motore: quella reputazione gli consente di avere
l’autorevolezza e il consenso per decidere in qualità di dirigente, di garante,
di tessitore, di iniziatore. Una classica democrazia del «carisma», più che una
futuribile democrazia di «cliccattivisti».
E allora, mi chiedo, perché non usarla più largamente e meno ipocritamente - e
meno patrimonialmente - questa autorevolezza? Cos’ha in mente Grillo, ora?
Forse non il governo. Forse vuole limitarsi alla testimonianza, con poche decine
di parlamentari, in attesa di tempi migliori. Ma quali tempi migliori? Se la
Terza Repubblica nascerà come lo zombie dell’attuale sistema, il Paese andrà a
fondo in poco tempo. Serve una forza di governo, o almeno un’opposizione
forte e non marginalizzata.
E qui vengo a sviluppare meglio il mio personalissimo consiglio.
Il riferimento va a un esempio storico di alcuni decenni fa, che ci può ispirare
senza dimenticarci che viviamo in tempi molto diversi da allora, con altri
partiti, altri scopi, altre idee, ecc. È solo un utile esempio funzionale per vedere
come può operare la rappresentanza.
Ebbene, chi era il punto di coagulo dell’opposizione negli anni settanta?
Era il PCI, uno strano partito che pur essendo di massa, a un certo punto
decise che non poteva bastare a se stesso, e perciò alle elezioni presentava
candidati indipendenti. Naturalmente questi condividevano molte idee di quel
partito, non andavano certo in campo avversario, ma avevano biografie
autenticamente svincolate ed erano in grado di rappresentare interessi che il

PCI non raggiungeva con le sue sole forze. La cosiddetta Sinistra
Indipendente formava perfino un suo gruppo parlamentare autonomo,
che portò alle Camere voci autorevoli, competenti, oneste, rappresentative,
perfettamente in grado – una volta concluso il mandato – di non impigliarsi per
sempre al “mestiere” politico. Questi parlamentari contribuirono tra l’altro a
scrivere ottime leggi, cosa niente affatto secondaria.
Ebbene, il Movimento Cinque Stelle, lo ripeto, è di fatto il punto di coagulo
dell’opposizione dell’oggi e dell’immediato domani, e ha una straordinaria
responsabilità storica, che anche in bocca a Beppe Grillo suona con queste
esatte parole: «Ma ora come fai a deludere le aspettative di tanta gente?»
Se la sua preoccupazione è questa, allora diventa cruciale, nel brevissimo
tempo che rimane da qui alle elezioni, presentare liste migliori di quelle varate
con la consultazione infra-partitica delle «parlamentarie». Non c’è tempo per
fare una grande selezione di massa. C’è tempo invece per guardarsi intorno fra
«rappresentanti di tante liste civiche, movimenti di gente perbene. Ragazzi,
professori, esperti» (riuso le parole di Beppe). I Cinquestelle li conoscono già:
«I No-Tav, quelli dell’acqua pubblica, dei beni comuni, gli altri referendari.»
Scelga Grillo alcune decine di «saggi» indipendenti da presentare in
vista delle elezioni in aggiunta al quadro delle liste attuali: alcuni da
candidare come parlamentari, altri come possibili ministri, altri come autorevoli
garanti. L’esposizione di Grillo sarebbe calibrata e cesserebbe di essere una
sovraesposizione. La presenza di parlamentari indipendenti e non trasformisti
sarebbe il seme di una nuova democrazia. Diventerebbe il punto di confluenza
di una forza popolare in grado di dirigere e riformare profondamente la
Repubblica. Troverebbe un’Italia disposta a una reale alternativa. Darebbe una
prospettiva a milioni di elettori altrimenti portati ad astenersi.
Il programma? Con pochi punti ben scritti e ben difesi ci ritroveremmo a
milioni. E sarebbe un programma opposto agli attuali partiti. Disegnerebbe una
Terza Repubblica lontana anni luce dallo sfascio odierno.
Accennavo al fatto che nel 2013 si eleggerà il nuovo Capo dello Stato. Pur non
essendo l’Italia una Repubblica presidenziale, il collegio elettorale che deciderà
chi va al Quirinale si formerà adesso, a partire dalle cabine elettorali. Alla più
alta magistratura perché mai proporre un Di Pietro, così consumato dai difetti
partitocratici?

Non sarebbe forse più adatta una figura come
quella del magistrato Roberto Scarpinato? A proposito dei machiavellismi

delle classi dirigenti italiane, Scarpinato – oltre ad avere la migliore biografia
professionale per il primato della legge – è l’autore de «Il ritorno del Principe»,
un ritratto spietato di queste classi dirigenti da cambiare. Io lo proporrei, con
forza, Scapinato, per far capire quanto si vuole cambiare il Paese, in antitesi
con i presidenti che insabbiano le inchieste sulla criminalità politico-mafiosa.
Sarebbe una direzione chiara, e coerente con la storia della migliore
opposizione allo sfascio di questi anni. Divulgherebbe ancora meglio la buona
novella: con noi si cambia davvero, e lo si fa con il volto migliore della legge.
Questo per il Presidente della Repubblica. E per il Presidente del Consiglio,
invece? Grillo non vuole fare il candidato premier. Ma il ruolo di mero garante
gli sta strettino assai. Nel momento in cui facesse la grande operazione di
apertura agli indipendenti, anche questa questione si potrebbe rapidamente
discutere e risolvere. Si vedrà.
Come si sarà ben capito, nel dare questi consigli molto personali barcollo,
perché ho ben chiare le speranze suscitate in questi anni da chi, come Grillo e
altri, si è battuto per una rivoluzione politica e culturale, ma ho altrettanto
chiare le difficoltà e i vicoli ciechi della dura realtà, così come il succedersi di
speranze a buon mercato. Oscillo insomma fra passione politica, volontà di
cambiare, e ragionevole diffidenza. È colpa del Minestrone. No, non la
pietanza. È un film che ho visto tempo fa e di cui racconto - anche se non si
dovrebbe – il finale. Fu girato nel 1981 da Sergio Citti con una strana
ispirazione pasoliniana, e un cast che comprendeva anche Roberto Benigni e
Giorgio Gaber. Quest’ultimo nel film interpreta il ruolo di un santone molto
ieratico che fa sperare la gente in una “Terra Promessa”. Molto prima di Forrest
Gump, Gaber inizia a muoversi per le strade, seguito da una folla crescente.
Mamme speranzose gli fanno baciare i loro pupi e lo seguono anch’esse,
assieme a tanti affamati in viaggio per "qualcosa di meglio" che non c'é. Il
viaggio a piedi porta il profeta e la processione di seguaci fino a un assurdo
ghiacciaio alpino, che apre l’orizzonte ma chiude drammaticamente la strada. A
quel punto gli chiedono: «Ma dove ci hai portati?» E Gaber: «E che cazzo ne
so?». Inizia a ridere follemente. Finisce il film.
Ecco la scena: http://www.youtube.com/watch?v=3EEeiIdoGkw.


Related documents


PDF Document us270213
PDF Document mc101212
PDF Document vb260213 1
PDF Document vb260213
PDF Document hp090313
PDF Document vb030213


Related keywords