PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



a .pdf


Original filename: a.pdf
Author: Microsoft

This PDF 1.4 document has been generated by DPE Build 5656, and has been sent on pdf-archive.com on 05/10/2013 at 17:58, from IP address 79.30.x.x. The current document download page has been viewed 1159 times.
File size: 24.5 MB (27 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


Gianluca Gazzo
AMMINISTRATORE
Piazza R. Livraghi 1/3 -4 - 16162 Genova
Tel 010.7455189 - 010.7455068
CelI. 333 4963810 - Fax 010.7455258
gazzo@absicura.com
- www.absicura.com
RUIA000188209

GRUPPO

ITAS

ASSICURAZIONI

DAL 1821 CERTEZZE E SERENITÀ

".11'''

GRUPPO

MQ ITAS
-';'"

ASSICURAZIONI

G'oba'e Fabbricato Civile
INDICE

PAGINE

DEFINIZIONI

2

SEZIONE "A" - Incendio

4

SEZIONE "B" - Responsabilità Civile

ll

SEZIONE "C" - Danni da acqua

16

SEZIONE "D" - Lastre

18

NORME COMUNI ALLESEZIONI "A" - "C" - "D"

19

NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE

22

CONDIZIONI

25

PARTICOLARIPERI SOCI-ASSICURATI DELL'ITASMUTUA

Il presente fascicolo è redatto in base alle disposizioni dell'Art. 166 comma 2 del Nuovo Codice delle
Assicurazioni Private (D. Lgs. 7 settembre 2005, n° 209L secondo il quale "le clausole che indicano
decadenze, nullità o limiti delle garanzie ovvero oneri a carico del Contraente o del!' Assicurato sono
riportate con carattere di particolare evidenza".
X0305.0 . Edizione 2006 . ristampa 11/20 10 . 5.000 copie

DEFINIZIONI
Ai seguenti termini le Parti attribuiscono

il significato

qui precisato:

Assicurato

il soggetto il cui interesse

Assicurazione

il contratto di assicurazione.

Contraente

il soggetto che stipula l'assicurazione.

Esplosione

lo sviluppo di gas o vapori

è protetto da Il' assicurazione.

ad alta temperatura

reazione chimica che si autopropaga

Fabbricato

e pressione, dovuto a

con elevata velocità.

l'intera costruzione edile, compresi:


fissi, infissi ed opere di fondazione
recinzioni

o interrate, pertinenze quali box,

e simili, purché realizzate

zi ad esso adiacenti,

nel fabbricato

stesso o negli spa-

ma esclusi: parchi, alberi di alto fusto, attrez·

zature sportive e per giochi, strade private, affreschi e statue aventi
valore artistico;


impianti

fissi quali:

idrici,

igienici,

damento e di condizionamento
montacarichi,

scale mobili,

elettrici od elettronici,

d'aria,

antenna

centrale termica,

televisiva

di riscalascensori,

centralizzata

anche

parabolica;


altri impianti od installazioni

considerati

nazione ivi comprese tappezzerie,

N.B.: nell'assicurazione
tà o in condominio

di singole porzioni

per natura o desti-

e moquettes.

di fabbricato

in comproprie-

è compresa anche la quota, ad essa porzione relati-

va, delle parti di fabbricato

Fissi e infissi

immobili

tinteggiature

costituenti proprietà comune.

manufatti per la chiusura dei vani di transito, l'illuminazione,
cazione e l'aerazione

delle costruzioni e in genere quanto

la comuni-

è stabilmente

ancorato alle strutture murarie, rispetto alle quali ha funzione secondaria
di finimento e protezione.

Franchigia

la parte del danno,

espressa in valore assoluto, che rimane a carico

dell' Assicurato.

Implosione

il cedimento - non determinato
o carenza di manutenzione
in genere,

per carenza

da usura, corrosione,

- di apparecchiature,

difetti di materiale

serbatoi e contenitori

di pressione interna di fluidi

rispetto a quella

esterna.

Incendio

la combustione,

con fiamma, di beni materiali al di fuori di appropriato

focolare, che può autoestendersi e propagarsi.

2

Incombustibili

0

le sostanze e i prodotti che alla temperatura di 750

C non danno luogo

a manifestazioni di fiamma né a reazione esotermica. Il metodo di prova

è quello adottato dal Centro Studi Esperienze del Ministero dell'Interno.
Indennizzo

lo somma dovuta dalla Società in caso di sinistro.

Polizza

il documento che prova l'assicurazione.

Primo rischio

lo forma di garanzia per lo quale

il danno viene risarcito senza l'applicazione della regola proporzionale di cui 011' art. 1907 del Codice

Civile.

Premio

lo somma dovuta dal Contraente alla Società.

Presta tori di lavoro

tutte le persone fisiche di cui l'Assicurato si avvale nel rispetto delle norme di legge nell' esercizio dell'attività descritta in polizza e delle quali
debba rispondere ai sensi dell'art. 2049 del Codice Civile.

Rottura accidentale

rottura fortuita ed imprevista.

Scoperto

lo parte del danno, espressa in valore percentuale, che rimane a carico
dell' Assicurato.

Scoppio

il repentino dirompersi di contenitori per eccesso di pressione interna di
fluidi non dovuto a esplosione. Gli effetti del gelo e del colpo d'ariete non
sono considerati scoppio.

Sinistro

il verificarsi del fatto dannoso per il quale è prestata l'assicurazione.

Società

lo Società del Gruppo ITAS (ITASMutua, ITASAssicurazioni S.p.A., Assicuratrice Val Piave S.p.A.) che presta l'assicurazione, quale risulta dalla
polizza sottoscritta dalle Parti.

Solai

il complesso degli elementi che costituiscono lo separazione orizzontale
tra i piani del fabbricato.

3

SEZIONE

Il

Ali INCENDIO

Art. 1 Rischio assicurato

La Società indennizza:
a) i danni materiali direttamente causati al fabbricato assicurato da:

l. Incendio
2. Fulmine
3. Esplosione, implosione e scoppio, non causati da ordigni esplosivi

4. Caduta di aeromobili, corpi e veicoli spaziali, loro parti o cose
trasportate;
b) i danni conseguenti agli eventi di cui alla lett. a), che abbiano colpito
il fabbricato assicurato oppure enti posti nell'ambito di 20 metri da
esso, e causati da sviluppo di fumi, gas, vapori, da mancata o anormale
produzione o distribuzione di energia elettrica, termica o idraulica, da
mancato o anormale funzionamento di apparecchiature elettroniche, di
impianti di riscaldamento o condizionamento, da colaggio o fuoriuscita di
liquidi;
c) i guasti causati al fabbricato assicurato allo scopo di impedire o arrestare
l'incendio, sia per ordine dell'Autorità che - non sconsideratamente - dall'Assicurato o da terzi;
d) le spese ragionevolmente sostenute per demolire, sgomberare e trasportare ad idonea discarica i residui del sinistro fino alla concorrenza del:


5% dell'indennizzo relativamente alle spesedi decontaminazione, disinquinamento, risana mento o traHamento speciale dei residui stessi;



10% dell'indennizzo per le spese non comprese nel comma precedente.

In ogni caso comunque la Società non sarà tenuta a pagare importo
superiore al 10% dell'indennizzo,

fermo quanto stabilito dall'art. 33

- "Limite massimo dell'indennizzo".
La Società indennizza inoltre i danni materiali direttamente causati al
fabbricato assicurato dagli eventi di seguito indicati:

5. Bang sonico (onda di pressione provocata dal superamento della velocità del suono da parte di aeromobili ed oggetti in genere).
6. Urto di veicoli, non appartenenti all'Assicurato o al Contraente, né al
loro servizio, in transito sulle aree che non siano di esclusiva pertinenza del fabbricato assicurato.
La garanzia

è prestata con detrazione della franchigia indicata all'art. 5.

7. Fumo fuoriuscito a seguito di guasto - non determinato da usura, corrosione, difeHi di materiale o carenza di manutenzione - agli impianti
per la produzione di calore facenti parte del fabbricato assicurato - e

4

sempreché detti impianti siano collegati mediante adeguate condutture ad appropriati camini.
8. Caduta accidentale di ascensori e montacarichi, compresi i danni subiti dagli stessi a seguito di rottura dei congegni.
Altre estensioni di garanzia sempre operanti
9. Danni elettrici
La Società, a parziale deroga del punto 8. dell'art. 3 - "Esclusioni", indennizza i danni materiali direttamente causati a macchine ed impianti
elettrici/elettronici del fabbricato, verificatisi a seguito di correnti, scariche ed altri fenomeni elettrici, da qualsiasi causa provocati.
La Società non risponde dei danni:



ai trasformatori elettrici e ai generatori di corrente;
agli impianti telefonici e di fornitura e misurazione dell'energia
elettrica di proprietà delle aziende erogatrici;



alle lampade elettriche, alle valvole termoioniche, alle resistenze
scoperte e ai fusibili;



causati da difetti di materiali e di costruzione, o riconducibili ad
inadeguata manutenzione o dovuti ad usura o manomissione.

La presente garanzia è prestata nella forma a "primo rischio", con il
limite di indennizzo e la detrazione della franchigia previsti all'art. 5.
10. Furto di fissi e infissi
La Società indennizza i danni causati da furto di fissi ed infissi del fabbricato, esclusi quelli interni alle singole unità immobiliari, compresi i danni
agli stessicagionati dai ladri in occasione di furto o tentato furto.
Se l'assicurazione riguarda un fabbricato unifamiliare, sono compresi in
garanzia soltanto i fissi ed infissi posti a protezione degli accessi prospicenti l'esterno. Questa estensione di garanzia non opera per i fabbricati
in corso di costruzione, ristrufturazione o non completamente ultimati.
La garanzia è prestata con

il limite di indennizzo previsto all'art. 5.

11. Perdita pigioni
La Società indennizza

i danni derivanti dalla perdita di pigioni o

mancato godimento del fabbricato assicurato, conseguenti ad eventi
in garanzia, per il periodo necessario al suo ripristino, con il massimo
di un anno. Per i locali abitati da Il'Assicurato, il danno verrà calcolato
sulla 'base dell'importo della pigione presumibile ad essi relativa.
Qu;sta garanzia è prestata fino alla concorrenza del 10% del valore
che, rispetto a quello assicurato per il fabbricato, compete a ciascuna
unità immobiliare colpita da sinistro.

5

r
12. Ordigni esplosivi
La Società indennizza i danni materiali direttamente causati al fabbricato assicurato da esplosione e scoppio di ordigni esplosivi, verificatisi
per eventi diversi da quelli previsti dalla garanzia Eventi Socio-politici.
13. Rimpiazzo combustibile
La Società risarcisce il costo sostenuto per il rimpiazzo del combustibile liquido che sia stato versato per lo rottura accidentale degli impianti di riscaldamento o di condizionamento al servizio del fabbricato.
14. Spese di ricerca e di riparazione

in caso di dispersione di gas

La Società, in caso di dispersione di gas relativa agli impianti di distribuzione di competenza del!' Assicurato, posti al servizio del fabbricato assicurato, accertata dall'azienda
da parte dell'azienda

di distribuzione e comportante

stessa il blocco dell' erogazione,

indennizza:

al le spese sostenute per riparare o sostituire le tubazioni e relativi
raccordi che hanno dato origine alla dispersione di gas;
b] le spese necessariamente sostenute allo scopo di cui ad al per lo
demolizione o il ripristino di parti del fabbricato assicurato.
Sono escluse tuHe le spese diverse da quelle sopra elencate anche se
necessarie per rendere conFormi alle normative vigenti gli impianti al
servizio del fabbricato.
la garanzia

è prestata con il limite di indennizzo e lo detrazione della

franchigia previsti all'art. 5.
15. Colpa grave
A parziale deroga del!' art. 1900 del Codice Civile, lo Società indennizza i danni materiali al fabbricato assicurato direttamente causati
da eventi per i quali è prestata l'assicurazione,

anche se avvenuti

con colpa grave del Contraente o del!' Assicurato, dei rappresentanti
legali o dei soci a responsabilità illimitata.
16. Anticipo dell'indennizzo
L'Assicurato ha diritto di ottenere, prima della liquidazione

del sini-

stro, il pagamento di un acconto pari al 50% dell'importo

minimo

che dovrebbe essere pagato in base alle risultanze acquisite, a condizione che non siano sorte contestazioni sull'indennizzabilità

del si-

nistro stesso e che l'indennizzo complessivo sia prevedibile in almeno
51.700,00

euro.

l'obbligazione


della Società:

sarà in essere trascorsi 60 giorni dalla data della denuncia del sinistro, sempreché siano trascorsi 30 giorni dalla richiesta del!' anticipo;

• è condizionata al rispeHo da parte del Contraente e del!' Assicurato
degli obblighi previsti dall'art. 31 - "Obblighi in caso di sinistro".

6

--~~-------------------------------------------------------------------~==~~=-------

Essendo lo polizza

stipulata

zione dell'acconto

di cui sopra

in base al valore a nuovo, lo determina-

è effettuata come se tale condizione

non esistesse.

17. Onorari dei Periti
In caso di sinistro indennizzabile

ai sensi di polizza,

lo Società rimborse-

che il Contraente avrà
scelto e nominato secondo quanto disposto dall'art. 23 - "Procedura per
la valutazione del danno", nonché lo quota parte delle spese e onorari a
rà le spese e gli onorari di competenza

del Perito

carico del Contraente medesimo a seguito della nomina del terzo Perito.

La presente estensione di garanzia è prestata entro il limite del 4% dell'indennizzo liquidato ai sensi di polizza e con il massimo di 5.500,00
euro per singolo sinistro e per ciascun periodo assicurativo.

Art. 2 Fabbricati in corso di costruzione
Se ilfabbricato assicurato è in corso di costruzione o ristrufturazione l'assicurazione si intende prestata unicamente per le garanzie dell'art. l lett. a), b),
c) e

d). Si

intendono compresi in garanzia

anche i materiali a piè d'opera.

La garanzia si intende prestata a condizione che in occasione della messa
in opera dei materiali coibentanti e di rivestimento combustibili vengano
osservate scrupolosamente le norme delle leggi vigenti.

Art. 3 Esclusioni

Sono esclusi i danni:
l. causati da atti di guerra, insurrezione e invasione;
2. causati da tumulti popolari, scioperi, sommosse, occupazione militare,
atti di terrorismo o sabotaggio organizzato, salvo quanto disposto,
se operante, dalla garanzia di cui al punto 2. "Eventi Socio-politici"
del!'art. 4 - "Estensioni della garanzia con sovrappremio";
3. causati da esplosione o emanazione di calore o di radiazioni provenienti da trasmutazioni del nucleo del!'atomo, come pure causati da radiazioni provocate dall' accelerazione artificiale di particelle atomiche;
4. causati con dolo del Contraente o del!'Assicurato;
5. causati da terremoti, maremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, inondazioni;
6. causati da ritardi nel ripristino dei locali danneggiati;
7. causati alle macchine o agli impianti nei quali si sia verificato uno
scoppio o un'implosione se l'evento è determinato da usura, corrosione o difetti di materiale;
8. causati da fenomeno elettrico a macchine, impianti, apparecchi e circuiti elettrici ed elettronici, a qualunque causa dovuto anche se conseguente a fulmine, salvo quanto disposto dalla garanzia di cui al punto
. 9. "Danni elettrici" del!'art. l -"Rischio assicurato";
9. indiretti quali cambiamenti di costruzione, mancanza di locazione,
di godimento o di reddito commerciale o industriale, sospensione di

7

lavoro o qualsiasi danno che non riguardi la materialità delle cose
assicurate, salvo quanto disposto dal punto 11. "Perdita pigioni" dell'art. 1 - "Rischio assicurato".

Art. 4 Estensioni della garanzia con sovrappremio (valide soltanto se espressamente
chiamate in polizza)

ri-

1. Eventi atmosferici
La Società indennizza

i danni materiali

direttamente

causati alle cose

assicurate:
a) da uragano,
ba d'aria,

bufera, tempesta, vento e cose da esso trasportate, tromgrandine,

quando detti eventi siano caratterizzati

lenza riscontra bile dagli effetti prodotti su una pluralità

da vio-

di enti posti

nelle vicinanze;
b) verificatisi all'interno

dei fabbricati

a seguito di rotture, brecce o lesio-

ni provocate al tetto, alle pareti o ai serramenti dalla violenza

degli

a condizione che vi siano:
- concomitanza e correlazione tra l'evento atmosferico di cui al punto a) ed il danno subito come dal punto b)
e
- l'impossibilità temporale del!'Assicurato di provvedere al ripristino
del danno subito per gli eventi previsti al punto a) prima che si
verificassero i danni come del presente punto b).
La Società non indennizza i danni:
c) causati da:
- fuoriuscita dalle usuali sponde di corsi o specchi d'acqua naturali o
artificiali;
mareggiata e penetrazione di acqua marina;
- formazione di ruscelli, accumulo esterno di acqua, rottura o rigurgito dei sistemi di scarico;
- gelo, sovraccarico di neve;
- cedimento, smottamento o franamento del terreno;
eventi di cui sopra,

ancorché verificatisi

a seguito degli eventi di cui sopra;

d) subiti da:
- alberi, cespugli, coltivazioni floreali ed agricole in genere;
- recinti, cancelli, gru, cavi aerei, ciminiere e camini, insegne od antenne e consimili installazioni esterne;
- enti ali' aperto, ad eccezione dei serbatoi ed impianti fissi per natura e destinazione;
- fabbricati o tettoie aperti da uno o più lati od incompleti nelle coperture o nei serra menti (anche se per temporanee esigenze di
ripristino conseguenti o non a sinistro);
- serra menti, vetrate e lucernari in genere, a meno che derivanti da
rotture o lesioni subite dal tetto o dalle pareti;

8

- lastre di cemento-amianto, lastre di fibro-cemento, manufatti di
materia plastica e pannelli solari per effetto di grandine.
La garanzia è prestata con detrazione della franchigia prevista all'art. 5.
2. Eventi Socio-politici
A parziale deroga del punto 2. dell'art.
nizza i danni materiali
conseguenza
sabotaggio,

direttamente

di tumulti popolari,

3 - "Esclusioni"

lo Società inden-

causati al fabbricato

assicurato

in

scioperi, sommosse, atti di terrorismo e

compresi gli atti vandalici.

Sono esclusi i danni:
• verificatisi nel corso di confisca, sequestro, requisizione degli enti assicurati per ordine di qualsiasi autorità, di diritto o di fatto, ed in occasione di serrata;
• di smarrimento, furto, rapina, estorsione, saccheggio o imputabili ad
ammanchi di qualsiasi genere;
• da imbratta mento.
La garanzia è prestata con detrazione della franchigia prevista ali' art. 5.
3. Sovraccarico neve
La Società indennizza

i danni materiali direttamente causati al fabbrica-

to assicurato conseguenti
da sovraccarico

a crollo totale o parziale

dello stesso causato

di neve.

Sono esclusi i danni:
a) ai fabbricati non conformi alle vigenti norme relative ai sovraccarichi
di neve e alloro contenuto;
,
b) ai fabbricati in corso di costruzione, di ristrutturazione o di rifacimento, a meno che detto rifacimento sia ininfluente ai fini della presente
estensione di garanzia;
c) ai capannoni pressostatici, tensostrutture, tendostrutture;
d) a lucernari, vetrate e serra menti in genere, insegne, antenne, pannelli
solari e consimili installazioni esterne, nonché all'impermeabilizzazione, a meno che il loro danneggiamento sia causato da crollo totale o
parziale del fabbricato in seguito al sovraccarico di neve;
e) causati da valanghe e slavine;
~ causati da gelo, ancorché conseguente ali' evento coperto dalla presente estensione di garanzia.
La garanzia è prestata con il limite di indennizzo e detrazione della franchigia previsti all'art. 5.
4. Ricorso terzi o locatari
La Società si obbliga

a tenere indenne l'Assicurato,

fino alla concorrenza

del massimale convenuto, delle somme che egli sia tenuto a corrispondere per capitale,

interessi e spese - quale civilmente responsabile

ai sensi

9

----------------------~~-------~--~-----------------

di legge - per danni materiali direttamente cagionati alle cose di terzi o
locatari da incendio, esplosione, implosione e scoppio.
L'assicurazione è estesa ai danni derivanti da interruzioni o sospensioni
- totali o parziali - dell'utilizzo dei beni, nonché di attività industriali,
commerciali, agricole o di servizi, entro il massimale stabilito e sino alla
concorrenza del 10% del massimale stesso.
L'assicurazione non comprende i danni:
• a cose che l'Assicurato abbia in consegna o custodia o detenga a
qualsiasi titolo, salvo i veicoli dei dipendenti dell'Assicurato ed i mezzi di trasporto sotto carico e scarico, ovvero in sosta nell'ambito delle
anzidette operazioni, nonché le cose sugli stessi mezzi trasportate;
• di qualsiasi natura conseguenti ad inquinamento dell'acqua, dell'aria
e del suolo.
Non sono comunque considerate terze le persone indicate ai punti a),
b) e c) dell'art. 7 - Sez. "8"_ Responsabilità Civile.
Se l'assicurazione è stipulata da un condominio per l'intera proprietà
o da un singolo condomino per lo parte di sua proprietà vale il disposto dell'art. 8 - Sez. "B" - Responsabilità Civile.
L'Assicurato deve immediatamente informare la Società delle procedure civili o penali promosse contro di lui, fornendo tutti i documenti
e le prove utili alla difesa e la Società avrà facoltà di assumere la
direzione della causa e la difesa dell'Assicurato.
L'Assicurato deve astenersi da qualunque transazione o riconoscimento della propria responsabilità senza il consenso della Società.
Quanto alle spese giudiziali si applica l'art. 1917 del Codice Civile.
5. Demolizione e sgombero - raddoppio percentuali di indennizzo
Le percentuali di indennizzo previste al punto d) dell'art. l - "Rischio
assicurato" si intendono raddoppiate.

Art. 5 Franchigie e limiti di indennizzo
a) Resta convenuto che il pagamento del danno sarà effettuato previa
detrazione, per singolo sinistro, della franchigia di:
150,00 euro per le garanzie
art. 1.6 Urto veicoli
arto 1.9 Danni elettrici
art. 1.14 Spese di ricerca e di riparazione in caso di dispersione di gas

art. 4.1
art. 4.2
art. 4.3

10

250,00 euro per le garanzie
Eventi atmosferici
Eventi Socio-politici
Sovraccarico neve

r

----_ ••......--

._-

------~~-~~--

---- -------------

-

-----

-

--

b) La Società non pagherà, per sinistro e per periodo di assicurazione, al
netto delle eventuali franchigie, somma maggiore:
di 3.000,00

euro per le garanzie

art. 1.9

Danni elettrici

art. 1.14

Spese ricerca e riparazione per dispersione gas----------'

del 3%0
art. 1.10

della somma assicurata per il fabbricato col massimo di
3.000,00 euro per la garanzia
Furto di fissi e infissi

del 35% della somma assicurata per il fabbricato per la
art. 4.3

SEZIONE "B" RESPONSABILITÀ
Art. 6 OggeHo

della garanzia

I

aranzia

Sovraccarico neve

CIVILE
1. Responsabilità Civile verso Terzi (R.C.I)
La Società si obbliga a tenere indenne l'Assicurato di quanto questi sia

tenuto a pagare, quale civilmente responsabile a sensi di legge, a titolo
di risarcimento (capitale, interessi e spese) di danni involontariamente
cagionati a terzi, per morte, per lesioni personali e per danneggiamenti
a cose, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione
alla proprietà del fabbricato e alla conduzione delle parti comuni. L'assicurazione comprende la responsabilità del!' Assicurato derivante dalla
proprietà anche delle seguenti pertinenze del fabbricato: giardini, parchi compresi gli alberi di alto fusto, attrezzature sportive e per giochi,
strade private, impianti di illuminazione.
L'assicurazione comprende inoltre la responsabilità dell' Assicurato quale
committente di lavori di straordinaria

manutenzione, ampliamento, so-

praelevazione, demolizione.
L'assicurazione vale anche per la responsabilità civile che possa derivare
all'Assicurato da fatto doloso di persone delle quali debba rispondere.
2. Responsabilità Civile verso Prestatori di lavoro (R.C.O.)
La Società si obbliga a tenere indenne l'Assicurato purché in regola, al
momento del sinistro, con gli adempimenti del!' assicurazione obbligatoria INAll e delle altre disposizioni normative in tema di occupazione e
mercato del lavoro, di quanto questi sia tenuto a pagare (capitali, interessi e spese) quale civilmente responsabile:
1. ai sensi delle disposizioni di legge disciplinanti le azioni di regresso
o di surroga esperite dal!'lNAIL e/o dal!'lNPS per gli infortuni subiti
dai prestatori di lavoro;

I

'

11

--

2. ai sensi del Codice Civile, a titolo di risarcimento di danni non rientranti nei casi di cui al precedente punto l. cagionati ai prestatori di
lavoro per infortuni da cui sia derivata morte o invalidità permanente

non inferiore al 6%, calcolata in base alla tabella delle menomazioni di
cui all'art. 13 comma 2lett. a) del D. Lgs. 23 febbraio 2000, n. 38.
Sono comunque escluse le malattie professionali. Agli effetti della garanzia R.C.O., limitatamente alla rivalsa INAIL, i titolari, i soci ed i familiari
coadiuvanti sono equiparati ai prestatori di lavoro.
Tanto l'assicurazione R.C.T. quanto l'assicurazione R.C.O. valgono anche per le azioni di rivalsa esperite dall'lNPS ai sensi dell'art. 14 della
Legge 12.06.1984,

n. 222.

Art. 7 Delimitazione dell'assicurazione· Esclusioni
Non sono considerati terzi ai fini dell'assicurazione R.e.T.:
a) il coniuge, i genitori, i figli dell'Assicurato, nonché qualsiasi persona
con lui convivente;
b) quando l'Assicurato non sia una persona fisica, il legale rappresentante, il socio a responsabilità illimitata e le persone che si trovino con
loro nei rapporti di cui al punto a);
c) le persone che, essendo in rapporto di dipendenza, anche di fatto,
con l'Assicurato, subiscano il danno in occasione di lavoro o di servizio inerente alla manutenzione e pulizia dei fabbricati e dei relativi
impianti, nonché alla conduzione di questi ultimi.
L'assicurazione R.e.T. non comprende i danni:
1. da spargimento di acqua, rigurgito di fogna, umidità, stillicidio e insalubrità dei locali;
2. da esercizio, da parte dell'Assicurato o di terzi, di industrie, commerci, arti e professioni, dall'attività personale dell'Assicurato, degli
inquilini o dei condomini e loro familiari;
3. da furto;
4. derivanti da interruzioni o sospensioni totali o parziali, mancato o
ritardato avvio di attività industriali, commerciali, artigianali, agricole
o di servizio, ad eccezione di quanto previsto al punto a/l dell'art. 9
- "Estensioni di garanzia sempre operanti";
5. di qualsiasi natura, conseguenti ad inquinamento dell'acqua, dell'aria
e del suolo, ad eccezione di quanto previsto al punto a/2 dell'art. 9
- "Estensioni di garanzia sempre operanti";
6. a cose altrui derivanti da incendio di cose dell'Assicurato o da lui detenute;
7. alle cose e agli animali che l'Assicurato abbia in consegna o custodia
o detenga a qualsiasi titolo.

12

Art. 8 Fabbricati in condominio
Se l'assicurazione è stipulata da un condominio per l'intera proprietà sono
considerati terzi i condomini, nonché i loro familiari e dipendenti, compreso l'amministratore se residente nel condominio ed è compresa la responsabilità di ciascun condomino come tale e verso la proprietà comune.
Se l'assicurazione è stipulata da un singolo condomino per la parte di sua
proprietà, essa comprende tanto la responsabilità per i danni di cui il condomino debba rispondere in proprio, quanto la quota di cui deve rispondere per i danni a carico della proprietà comune, escluso il maggiore onere eventualmente derivante da 'obblighi solidali con gli altri condomini.

Art. 9 Estensioni di garanzia sempre operanti
a) La garanzia,

a parziale deroga delle esclusioni previste

011' art. 7,

comprende i danni:
1. derivanti da interruzioni o sospensioni parziali o totali di attività
industriali, commerciali, artigianali, agricole o di servizi;
2. a cose conseguenti ad inquinamento dell'acqua, dell'aria e del suolo;
purché conseguenti a sinistro indennizzabile

ai sensi delle Norme

della presente Sezione e dei quali sia responsabile l'Assicurato o il
Contraente nella sua qualità di proprietario del fabbricato.
Le suddette garanzie sono prestate con i limiti di indennizzo ed eventuali franchigie previsti ali' arto 13.

b) Committenza lavori edili di lunga durata
A integrazione di quanto indicato nell'art. 6 - "Oggetto della garanzia"

la garanzia

comprende la responsabilità civile imputabile

all'Assicurato quale committente di lavori edili rientranti nel campo di
applicazione

del D. Lgs. 14 agosto 1996, n. 494 (Attuazione della

direttiva 92/57/CEE

concernente le prescrizioni minime di sicurezza

e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili).
Tale estensione di garanzia opera sempreché:


l'Assicurato abbia designato il responsabile dei lavori, il coordinatore per l'esecuzione dei lavori, conformemente a quanto disposto
dal



D. Lgs. n. 494 del 1996;

dall'evento siano derivati in capo al danneggiato la morte o lesioni
personali gravi o gravissime, così come definite dall'art.

583 del

Codice Penale.

Art. 10 Estensioni di garanzia con sovrappremio
1. Conduzione degli appartamenti
La Società si obbliga a tenere indenni i conduttori (condomini o locatari)
di quanto questi siano tenuti a pagare quali civilmente responsabili, a
sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitale, interessi e spese) per
danni involontariamente cagionati a terzi per morte, lesioni personali,

13

danneggiamenti a cose ed animali, in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione alla conduzione delle unità abitative immobiliari destinate a civile abitazione ed uffici.
Si intendono compresi, a parziale deroga del punto 1. dell' art. 7 i danni
da spargimento di acqua e occlusione di condutture (ferme le esclusioni
dei danni da umidità, stillicidio ed insalubrità dei locali) con l'applicazione della franchigia prevista all'art. 13.
Relativamente ai conduttori di uffici si intende esclusa la responsabilità
derivante

da Il' esercizio della specifica attività professionale.

I conduttori delle singole unità immobiliari sono considerati terzi tra di
loro, così come terzo rispetto a ciascuno di loro è il condominio.
2. Responsabilità Civile professionale dell'Amministratore
La garanzia è prestata per la responsabilità civile derivante ali' Amministratore del condominio, ai sensi di legge, per danni patrimoniali

in-

volontariamente cagionati a terzi (compreso il condominio assicurato)
nell'esercizio dell'attività esercitata professionalmente di Amministratore
del condominio stesso in conseguenza di violazioni non dolose dei doveri professionali previsti dall'art.

1130 del Codice Civile.

La garanzia comprende:
a) le sanzioni di natura fiscale inflitte al condominio assicurato per errori irnputobili all'amministrazione

con esclusione di quelle di qualsiasi

altra natura;
b) i danni derivanti da comportamenti colposi posti in essere durante il
periodo di efficacia del contratto purché denunciati entro due anni
dalla cessazione del contratto stesso.
La garanzia non vale:
a) per i danni conseguenti a furto, rapina, distruzione o deterioramento
di atti, documenti, titoli o denaro;
b) per omissione o ritardi nella stipulazione o modifica di polizza di assicurazione e nel pagamento dei relativi premi;
c) per danni derivanti dallo svolgimento di attività non previste da disposizioni di legge.
La garanzia è prestata con

il limite di indennizzo previsto all'art. 13.

Art. 11 Gestione delle vertenze - Spese legali
a) La Società assume, fino a quando ne ha interesse, a nome dell' Assicurato, la gestione stragiudiziale e giudiziale delle vertenze in sede civile, penale ed amministrativa,

designando, sentito l'Assicurato/Con-

traente, ove occorre, legali o tecnici, ed avvalendosi di tutti i diritti ed
azioni spettanti ali' Assicurato stesso.
L'Assicurato è tenuto a prestare la propria collaborazione per permettere la gestione delle suddette vertenze e a comparire personalmente
in giudizio ove la procedura lo richieda.

14

-~

li

,

La Società ha il diritto di rivalersi sul!'Assicurato del pregi udizio derivatole dall'inadempimento

di tali obblighi.

Sono a carico della Società le spese sostenute per resiste re ali' ozione promossa contro l'Assicurato, entro

"--

il limite

di un imp orto pari al

quarto del massimale stabilito in polizza per il danno cui si riferisce
la domanda. Qualora la somma dovuta al danneggiato superi detto

-r

massimale, le spese vengono ripartite tra Società e Assicur ato in proporzione al rispettivo interesse.
La Società non riconosce le spese incontrate

,

da Il'Assicurato

per i legali

o i tecnici che non siano da essa designati e non risponde di multe o
ammende, né delle spese di giustizia penale.
b] A parziale

deroga del punto al suddetto, lo Società presta - a favore

dell' Assicurato - lo sua assistenza in sede penale anche d opo l'eventuale tacitazione

della o delle parti lese, e ciò fino all'esau rimento del

grado di giudizio

in corso al momento dell'avvenuta

tacita zione della

o delle parti lese.

Art. 12 Assicurazione parziale
Se al momento del sinistro il valore di ricostruzione
to (escluso il valore dell'creo]
per il fabbricato
rapporto

a nuovo d el fabbrica-

eccede di oltre il 10% lo somma assicurata

stesso, lo Società risponde del danno in pro porzione al

tra questa e il predetto valore di ricostruzione.

Art. 13 Franchigie e limiti di indennizzo
a) Resta convenuto che il pagamento del danno sarà effett uato previa
detrazione, per singolo sinistro, di:
una franchigia di 100,00 euro per la garanzia
art.10.1

Danni da spargimento di acqua

uno scoperto del 10% del danno col minimo di 500,00 euro
per la garanzia
art.9-a/1

Danni da interruzione o sospensione di attivi tà

\

J

b} La Società non pagherà, per sinistro e per periodo di assicu razione, al
netto di eventuali franchigie o scoperti, somma maggiore di:
26.000,00

euro per le garanzie

art.9-a/2

Danni da inquinamento

art. 10.2

R.e. dell'Amministratore
52.000,00

art.9-a/1

euro per la garanzia

Danni da interruzione o sospensione di attivi tà

15

SEZIONE IIC" DANNI DA ACQUA
Con riferimento alle Sezioni "A" - Incendio e "B" - Responsabilità Civile, alle condizioni tutte per le stesse
previste, sono operanti le seguenti estensioni di garanzia (se espressamente richiamate):

Art. 14 Danni diretti

l. Spargimento di acqua
La Società indennizza i danni materiali direttamente causati al fabbricato assicurato da fuoriuscita di acqua a seguito di rottura accidentale
degli impianti fissi idrici, igienici, di riscaldamento e condizionamento
pertinenti il fabbricato assicurato.

La'Società nonindenni~za:
a) i danni da umidità, stillicidio, occlusione trabocca mento o rigurgito
di fognature e/o altri condotti, gelo, disgelo, rottura degli impianti
automatici di estinzione;
b) le spese sostenute per la ricerca della rottura e per la sua riparazione;
c) i danni causati da rottura accidentale agli impianti ad esclusivo servizio di attività professionali od economiche esercitate all'interno del
fabbricato assicurato.
La garanzia è prestata con la detrazione della franchigia prevista all'art. 16.
2. Spese di ricerca del guasto e ripristino
La Società, a seguito di rottura accidentale degli impianti fissi idrici,
igienici, di riscaldamento e di condiziona mento pertinenti il fabbricato assicurato che abbia provecctoun

danno indennizzabile

a termini

del precedente punto l., rimborsa le spese per demolire, sgomberare e
ripristinare parti di fabbricato e di impianti allo scopo di ricercare ed
eliminare la rottura che ha dato origine allo spargimento di acqua.
La 'garanzia

è prestata con il limite di indennizzo e la detrazione della

franchigia previsti all'art. 16.
3. Spargimento di acqua alle singole unità immobiliari
La Società indennizza i danni causati all'unità immobiliare occupata dal
conduttore (condomino o inquilino) da spargimento di acqua per cause
diverse da quelle previste al precedente punto l., ferme ~e esclusioni
riportate allo stesso punto 1.

è prestata con il limite di indennizzo e_l~ detrazi~ne della
fran~higi~pre~isti ~II'~rt. 16.
La garanzia

4. Gelo
La Società presta le garanzie di cui all' art. 14 punti 1. - Spargimento di
acqua e 2. - Spese di ricerca del guasto e ripristino, anche nel caso in
cui la rottura degli impianti, con conseguente fuoriuscita di acqua, sia
causata da gelo o da disgelo.
Sono esclusi i danni causati 'dà:

16

• condutìure installate ali' esterno o interrate;
• rottura degli impianti verificatasi in locali sprovvisti di riscaldamento
oppure con impianto non in funzione da oltre 96 ore consecutive prima del sinistro;
• umidità, stillicidio, occlusione, traboccamento o rigurgito di fognature
e/o altri condotti e rottura degli impianti automatici di estinzione.
Questa estensione di garanzia è prestata con il limite di indennizzo e
detrazione della franchigia previsti all'art. 16.
5. Occlusione di condutture
La Società indennizza i danni materiali direttamente causati al fabbricato
assicurato da occlusioni di condutture di impianti fissi idrici, igienici e di
riscaldamento, esclusi quelli di raccolta e deflusso delle acque piovane.
Sono esclusi i danni conseguenti a rigurgito e traboccamento della rete

fognaria pubblica.
La presente estensione di garanzia è prestata con il limite di indennizzo
e la detrazione della franchigia previsti all'art. 16.

Art. 15 Danni da responsabilità

civile

Spargimento di acqua
La garanzia comprende i danni da spargimento di acqua verificatosi a
seguito di rottura accidentale degli impianti fissi idrici, igienici, di riscaldamento e condizionamento pertinenti il fabbricato assicurato.

Sono esclusi i danni causati da umidità, stillicidio, occlusione, traboccamento o rigurgito di fognature e/o di altre con_dutture, gelo, di_sgelo,
rottura degli impianti automatici di estinzione.
La garanzia è prestata con la detrazione della franchigia prevista all'art. -16.
L'esclusione dei danni conseguenti a gelo e disgelo è inoperante qualora
sia stata convenuta tra le Parti l'estensione di garanzia di cui al punto 4.
dell'art. 14 - "Danni diretti".

Per i danni conseguenti a gelo o disgelo la garanzia è prestata con il
limite di indennizzo e la franchigia previsti all'art. 16.

Art. 16 Franchigie e limiti di indennizzo
Resta convenuto che il pagamento dell'indennizzo sarà effettuato previa
detrazione, per singolo sinistro, della franchigia di:
100,00 euro per le garanzie
art. 14.1 Danni da spargimento di acqua
art. 14.2 Spese ricerca del guasto e ripristino
art. 14.3 Danni da spargimento di acqua alle singole unità immobiliari
art. 15
Spargimento di acqua R.e.

17

150 euro per le garanzie
artt. 14.4
e 15

Gelo - Danni diretti e da R.e.

art. 14.5

Occlusione di condutture

La Società non pagherà,

per sinistro e per periodo di assicurazione, al

netto delle eventuali franchigie, somma maggiore:

3°;0° del valore assicurato con il minino di 520,00 euro per la garanzia
art. 14.2 I Spese ricerca del guasto e ripristino

del

3.000,00

euro per le garanzie

artt. 14.4
e15

Gelo - Danni diretti e da R.C.

art. 14.5

Occlusione di condutture
10.500,00

art. 14.3

euro per la garanzia

I Danni da spargimento di acqua alle singole unità immobiliari

SEZIONE "D" LASTRE
Art. 17 Rischio assicurato

La Società indennizza i danni materiali e diretti derivanti all'Assicurato
per la sostituzione, dovuta a rottura per causa accidentale o per fatto
di terzi, delle lastre di cristallo e vetro assicurate pertinenti agli ingressi,
scale ed altri vani di uso comune del fabbricato assicurato descritto in
polizza, con altre nuove uguali od equivalenti per caratteristiche, comprese le spese di trasporto ed installazione.
Sono comprese le rotture determinate da dolo delle persone di cui l'Assicurato deve rispondere a norma di legge, quelle avvenute in occasione
di furto o rapina, tentati o consumati e di vandalismo, di scioperi, tumulti
popolari, sommosse, atti di terrorismo e di sabotaggio nonché, fino al
massimo del 50% della somma assicurata, le rotture causate da cicloni,
bufere, grandine, da trombe d'aria ed uragani.

Art. 18 Esclusioni

Sono esclusi i danni:
al consistenti soltanto in scheggiature e rigature;
bl derivanti da crollo di fabbricato e distacco di parti di esso, cedimento del
terreno o assestamenti del fabbricato, restauro dei locali, operazioni di
trasloco, lavori sulle lastre od ai relativi supporti, sostegni o cornici, rimozione delle lastre o degli infissi o dei mobili su cui esse sono collocate;
cl determinati da dolo del!' Assicurato o del Contraente;
dI subiti da lastre che, alla data del!' entrata in vigore della presente polizza, non fossero integre ed esenti da difetti;

18

e) subiti da lucernari e lastre orizzontali che non siano installate all'interno del fabbricato.

Art. 19 Rinuncia alla rivalsa

La Società rinuncia - salvo il caso di dolo - al diritto di surroga derivante
dall'art.

1916 del Codice Civile verso le persone delle quali il Contraen-

te o l'Assicurato

deve rispondere

late, consociate

e collegate,

a norma di legge, le Società control-

purché il Contraente

o l'Assicurato,

a sua

volta, non eserciti l'azione verso il responsabile.

Art. 20 Forma di garanzia

e limite di indennizzo
della presente Sezione è prestata nella forma a "primo rientro il limite della somma assicurata, limite che si intende valere
sia per singolo sinistro, sia per periodo di assicurazione.
La garanzia

schio"

Art. 21 Precisazioni

Sono esclusi da Il'assicurazione i danni per i quali siano previste le garanzie di cui le Sezioni "A" - Incendio e "8" - Responsabilità Civile.

NORME COMUNI ALLESEZIONI Il A" INCENDIO, IIC" DANNI DA ACQUA, "D" LASTRE
Art. 22 Esagerazione

dolosa del danno
Il Contraente o l'Assicurato che esagera dolosamente l'ammontare del
danno, comprende nello stesso cose che non esistevano al momento
del sinistro, occulta, sottrae o manomette cose non colpite dal sinistro,
o salvate, adopera a giustificazione mezzi o documenti menzogneri o
fraudolenti, altera dolosamente le tracce e i residui del sinistro, aggrava
quest'ultimo, perde il diritto all'indennizzo.

Art. 23 Procedura

per la valutazione

del danno

L'ammontare del danno è concordato con le seguenti modalità:
a) direttamente dalla Società, o persona da questa incaricata, con il Contraente o persona da egli designata;
oppure, a richiesta di una delle Parti:
b) tra due Periti nominati uno dalla Società ed uno dal Contraente con
apposito atto unico.
I due Periti devono nominarne un terzo quando si verifichi disaccordo fra
loro e anche prima su richiesta di uno di essi. Il terzo Perito interviene
soltanto in caso di disaccordo e le decisioni sui punti controversi sono
prese a maggioranza.
Ciascun Perito ha facoltà di farsi assistere e coadiuvare da altre persone,
le quali potranno intervenire nelle operazioni peritali, senza avere alcun
voto deliberativo.
Se una delle Parti non provvede alla nomina del proprio Perito o se i Periti non si accordano sulla nomina del terzo, tali nomine, anche su istanza

19

di una sola delle Parti, sono demandate al Presidente del Tribunale nella
cui giurisdizione il sinistro è avvenuto.
Ciascuna delle Parti sostiene le spese del proprio Perito; quelle del terzo
Perito sono ripartite a metà.

Art. 24 Mandato dei Periti

I Periti devono:
a) indagare sulle circostanze, natura, modalità e cause del sinistro;
b) verificare l'esattezza delle descrizioni e dichiarazioni risultanti in polizza e riferire se al momento del sinistro esistevano circostanze che
avessero mutato il rischio e non fossero state comunicate;
c) verificare se il Contraente o l'Assicurato ha adempiuto agli obblighi di
cui all'art. 31 - "Obblighi in caso di sinistro";
d) verificare l'esistenza, lo qualità, lo quantità ed il valore che le cose assicurate avevano al momento del sinistro, secondo i criteri e le valutazioni di cui all'art. 25 - "Valore delle cose assicurate e determinazione
del danno";
e) procedere alla stima ed alla liquidazione del danno e delle spese.
Nei casi di intervento del Perito del!' Assicurato, i risultati delle operazioni peritali devono essere raccolti in apposito verbale, con allegate
le stime dettagliate, da redigersi in doppio esemplare, uno per ognuno
delle Parti.
I risultati delle valutazioni di cui alle lett. d) ed e) sono obbligatori per le
Parti, che rinunciano ad ogni impugnativa salvo il caso di dolo, errore,
violenza nonché di violazione dei patti contrattuali, impregiudicata in
ogni caso qualsivoglia azione od eccezione inerente alla indennizzabilità
dei danni.
I Periti sono dispensati dall'osservanza di ogni formalità giudiziario.
La perizia collegio le è valida anche se un Perito rifiuta di sottoscriverla;
tale rifiuto deve essere attestato dagli altri Periti nel verbale definitivo di

permo.
Art. 25 Valore delle cose assicurate e determinazione del danno
La determinazione del valore delle cose assicurate e lo determinazione
del danno avvengono secondo i seguenti criteri:

Fabbricato

20

Premesso che:
1. il valore a nuovo del fabbricato descritto in polizza si ottiene stimando lo spesa necessaria per l'integrale ricostruzione a nuovo di tutto il
fabbricato medesimo, escludendo soltanto il valore dell'area;
2. il valore del fabbricato descritto in polizza al momento del sinistro si
ottiene applicando alla stima di cui al precedente punto 1. un deprezzamento stabilito in relazione al grado di vetustà, allo stato di conservazione, al modo di costruzione, all'ubicazione, alla destinazione,
011' uso e ad ogni altra circostanza concomitante;

l'ammontare

del danno si determina stimando la spesa necessaria per

ricostruire a nuovo il fabbricato e per riparare le parti solo danneggiate,
deducendo da tale risultato il valore dei residui.
Qualora tale ammontare dovesse superare il valore del fabbricato determinato come al precedente punto 2., la relativa differenza verrà corrisposta

-<r

entro 30 giorni da quando è terminata la ricostruzione o la riparazione, purchè ciò awenga,

salvo comprovata forza maggiore, entro dodici mesi dalla

data del!' atto di liquidazione amichevole o del verbale definitivo di perizia.
Le spese di demolizione e di sgombero dei residui del sinistro devono
essere tenute separate dalle stime di cui sopra in quanto per esse non è
operante il disposto dell'art. 27.

Lastre

L'ammontare del danno si determina deducendo dalla spesa necessaria
per il rimpiazzo delle lastre danneggiate il valore dei residui.

Perdita delle pigioni

L'ammontare del danno si stabilisce determinando il tempo strettamente
necessario per il ripristino dei locali danneggiati.

Art. 26 Somme assicurate (valido per le Sezioni "A"- Incendio e

"e"- Danni

da acqua)

La somma assicurata deve corrispondere al valore di ricostruzione a nuovo del fabbricato, escluso il valore del!' area.
Se l'assicurazione

è stipulata sopra singole porzioni di fabbricato in

condominio o in com proprietà essa copre anche le relative quote di
proprietà comune.

Art. 27 Assicurazione parziale (valido per le Sezioni "A"-Incendio

e "C": Danni da acqua)

Se dalle stime fatte con le norme di cui all'art. 25 - "Valore delle cose
assicurate e determinazione

del danno",

risulta che i valori di una o

più partite, prese ciascuna separata mente, eccedevano al momento del
sinistro le somme rispettivamente assicurate per oltre il 10%, lo Società
risponde del danno in proporzione del rapporto tra il valore assicurato,
maggiorato del 10%, e quello risultante al momento del sinistro.
Restano ferme le deroghe all'applicazione

di questa norma esplicitamen-

te contenute in polizza.

Art. 28 Pagamento dell'indennizzo
Verificata l' operatività della garanzia,
necessaria documentazione,

valutato il danno e ricevuta lo

lo Società provvede al pagamento dell'in-

dennizzo entro 30 giorni dalla data della sottoscrizione dell'atto di liquidazione del danno, sempreché non sia stata fatta opposizione ai sensi
degli artt. 2742 e 2905 del Codice Civile e si sia verificata lo titolarità
dell'interesse assicurato.

21

Art. 29 Titolarità dei diritti

Le azioni, le ragioni e i diritti nascenti dalla polizza non possono essere
esercitati che dal Contraente e dalla Società.
Spetta in particolare al Contraente compiere gli atti necessari all'accertamento e alla liquidazione dei danni, atti che sono vincolanti anche per
l'Assicurato, restando esclusa ogni sua facoltà di impugnativa.
L'indennizzo liquidato a termini di polizza non può tuttavia essere pagato se non nei confronti o con il consenso dei titolari dell'interesse
assicurato.

NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE

Art. 30 Dichiarazioni relative alle circostanze del rischio
Le dichiarazioni

inesatte o le reticenze del Contraente e dell'Assicurato

relative a circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio, possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all'indennizzo
nonché la stessa cessazione dell'assicurazione ai sensi degli artt. 1892,
1893 e 1894 del Codice Civile.

Art. 31 Obblighi in caso di sinistro
1. In caso di sinistro, il Contraente o l'Assicurato deve:
al fare quanto gli è possibile per evitare o diminuire il danno; le relative spese sono a carico della Società secondo quanto previsto
dalla legge ai sensi dell' art. 1914 del Codice Civile;
b] darne avviso scritto all'Agenzia

alla quale è assegnata la polizza

oppure alla Società entro tre giorni da quando ne ha avuto conoscenza ai sensi dell' art. 1913 del Codice Civile;
cl conservare le tracce ed i residui del sinistro fino a liquidazione del
danno senza avere, per questo, diritto ad indennità alcuna.
L'inadempimento di uno di tali obblighi può comportare la perdita totale o
parziale del diritto all'indennizzo ai sensi del!' art. 1915 del Codice Civile.
2. Relativamente alle Sezioni "A" -Incendio, "C "- Danni da acqua e "D"
- Lastre, il Contraente o l'Assicurato deve altresì:
d] fare, se previsto dalla legge, nei cinque giorni successivi, dichiarazione scritta all' Autorità Giudiziario

o di Polizia del luogo, pre-

cisando, in particolare: il momento dell'inizio del sinistro, la causa
presunta del sinistro o l'entità approssimativa del danno. Copia di
tale dichiarazione deve essere trasmessa all'Agenzia alla quale

è

assegnata la polizza oppure alla Società;
e) predisporre un elenco dettagliato dei danni subiti con riferimento
alla qualità, quantità e valore delle cose distrutte o danneggiate,
nonché, a richiesta, uno stato particolareggiato

delle altre cose as-

sicurate esistenti al momento del sinistro con indicazione del rispet-

22

tivo valore, mettendo comunque a disposizione i suoi registri, conti,
fatture e qualsiasi documento che possa essere richiesto dalla Società o dai Periti ai fini delle loro indagini e verifiche.

Art. 32 Pagamento del premio e decorrenza della garanzia
L'assicurazione ha effetto dalle ore 24 del giorno indicato in polizza se
il premio o la prima rata di premio sono stati pagati, altrimenti ha effetto
dalle ore 24 del giorno del pagamento.

I premi devono essere pagati all'Agenzia alla quale è assegnata lo polizza oppure alla Società.
Se il Contraente non paga i premi o le rate di premio successivi, l'assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del 30° giorno dopo quello della
scadenza e riprende vigore dalle ore 24 del giorno del pagamento,
fermi le successivescadenze e il diritto della Società al pagamento dei
premi scaduti ai sensi dell'art. 1901 del Codice Civile.

Art. 33 Limite massimo dell'indennizzo
Salvo il caso previsto da Il'art. 1914 del Codice Civile, per nessun titolo

lo Società potrà essere tenuta a pagare massimale o somma maggiore di
quella assicurata a ciascuna partita nell'ambito della Sezione interessata
al sinistro.

Art. 34 Recesso in caso di sinistro
Dopo ogni sinistro, denunciato a termini di polizza, e fino al 60° giorno
dal pagamento o dal rifiuto dell'indennizzo, lo Società può recedere dall'assicurazione con preavviso di 30 giorni.
In tal caso essa, entro 15 giorni dalla data di efficacia del recesso, rimborsa lo parte di premio, al netto dell'imposta, relativa al periodo di
rischio non corso.

Art. 3S Proroga dell'assicurazione

e periodi di assicurazione

In mancanza di disdetta, mediante lettera raccomandata spedita almeno
60 giorni prima della scadenza, l'assicurazione di durata non inferiore
ad un anno è prorogata per un anno e così successivamente.
Nei confronti dell'lTAS Mutua debbono peraltro essere osservate le modalità di disdetta stabilite dall'art. 8 dello Statuto Sociale.
Per i casi nei quali lo legge o il contratto si riferiscono al periodo di assicurazione, questo si intende stabilito nella durata di un anno, salvo che
l'assicurazione sia stata stipulata per una minore durata, nel qual caso
esso coincide con lo durata del contratto.

Art. 36 Oneri fiscali

Gli oneri fiscali relativi 011' assicurazione sono a carico del Contraente.

23

Art. 37 Rinvio alle norme di legge
Il presente contratto di assicurazione è regolato dalla legge italiana. Per
tutto quanto non è qui diversamente regolato, valgono le norme di legge.

Art. 38 Indicizzazione

Qualora sia espressamente convenuta in polizza l'applicazione

dell'indi-

cizzazione, le somme assicurate, i massimali ed il premio sono soggetti
ad adeguamento in proporzione delle variazioni percentuali del numero
indice del "costo di costruzione di un fabbricato residenziale" elaborato
dall'lSTAT, in conformità a quanto segue:
a) come base di riferimento iniziale e per gli aggiornamenti sarà adottato l'indice del mese di giugno dell'anno precedente;
b) alla scadenza di ogni rata annua, se si sarà verificata una variazione in più o in meno rispetto all'indice iniziale od a quello dell'ultimo
adeguamento, le somme assicurate ed i massimali, nonché il premio
verranno aumentati o ridotti in proporzione;
c) l'aumento o la riduzione decorreranno dalla scadenza della rata annua, dietro rilascio al Contraente di apposita quietanza aggiornata
in base al nuovo indice di riferimento.
Nel caso che, in conseguenza di uno o più adegua menti, l'indice venisse a superare del 100% quello inizialmente stabilito in polizza, sarà facoltà delle Parti di rinunciare ali' aggiornamento successivo della polizza
mediante lettera raccomandata da inviare almeno 90 giorni prima della
scadenza annuale, restando somme, massimali assicurati e premio quelli
dell'ultimo aggiornamento effettuato.
Sono soggetti ad adeguamento anche le franchigie ed i limiti di risarcimento non espressi in percentuale.

24

CONDIZIONI

PARTICOLARI PER SOCI-ASSICURATI

DELL'ITAS MUTUA

ESTRATTO DELLO STATUTO

Art. 1 - Costituzione e Sede

È costituita la Società di Mutua Assicurazione a responsabilità limitata,
con la denominazione

"ITAS - Istituto Trentino-Alto Adige per Assicura-

zioni società mutua di assicurazioni" o anche "ITAS Mutua", già eretta il
5 ottobre 1821 con la denominazione Istituto Provinciale Incendi.
La denominazione

tedesca è "ITAS - Landesversicherungsanstalt Trenti-

no-Sildtirol Y.Y.a.G." o anche "ITAS Versicherungsverein auf Gegenseitigkeit" ovvero «ITAS V.V.a.G.».
L'ITASMutua ha sede in Trento, Via Mantova, 67. Esso può esercitare la
sua attività sia in Italia che all'estero.

Art. 3 Contribuzioni

A tale scopo i Soci-Assicurati si obbligano di contribuire con gli occorrenti mezzi, secondo le disposizioni

del presente Statuto. La respon-

sabilità dei Soci-Assicurati è limitata

al solo pagamento

dei contri-

buti annui stabiliti dallo Statuto e finisce col cessare dell'assicurazione.
La responsabilità
E' esclusa ogni
sono garantite

Art. 8 Vincolo Sociale

1/

dei Soci sovventori è limitata alle

quote sottoscritte.

garanzia sussidiaria. Le obbligazioni

della Società

dal patrimonio sociale.

vincolo sociale nei confronti del Socio-Assicurato è obbligatorio

per il

periodo indicato nella polizza di assicurazione dallo stesso stipulata e si rinnova tacitamente, unitamente al contratto di assicurazione,
per il periodo sancito per quest'ultimo dalle norme di legge,

qualora il

Socio non dia formale disdetta almeno sei mesi prima della

scaden-

za e così successivamente.
Di regola tale durata è stipulata per
La dichiarazione

periodi

decennali.

di disdetta deve essere data dal

personalmente a verbale presso l'Agenzia

Socio-Assicurato

che amministra la polizza

stessa, oppure tramite un suo legale rappresentante munito di

mandato

con autentica notarile.
La dichiarazione di disdetta non diventa operativa finchè il Socio-Assicurato non abbia

regolato le proprie

obbligazioni

verso la Società

in dipendenza del rapporto sociale.
Esistendo

in polizza vincoli a favore di terzi, il Socio-Assicurato dovrà

inoltre produrre l'atto di consenso da parte di questi alla disdetta dell'assicurazione, senza di che la disdetta
altra forma di

disdetta dalla

nulla. Ogni

Società è nulla. Salvo il caso in cui

la morte del Socio-Assicurato comporti
del rischio,

è considerata

necessariamente la cessazione

gli eredi del Socio-Assicurato subentrano solidalmente nel

rapporto sociale, rispettivamente nell'assicurazione.
Nel caso in cui la legge o le Condizioni Generali di assicurazione stabiliscano il trasferimento dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto

25

di assicurazione, il subentrante acquista la qualità di Socio-Assicurato.
La mora del Socio-Assicurato non risolve da sola il vincolo
ferme rimanendo le conseguenze

Art. 24 Rappresentanza

sociale,

dell'inadempimento.

La rappresentanza legale dell'lTAS spetta al Presidente ed in sua assenza od impedimento ai Vicepresidenti del Consiglio di amministrazione.
La firma sociale spetta al Presidente o ai Vicepresidenti;

può essere

delegata anche ad un Amministratore e, per gli atti di ordinaria amministrazione ed in genere per quelli di assicurazione, al Direttore Generale
o ad altre persone designate dal Consiglio di amministrazione. La rappresentanza giudiziaria
Dirigenti, ai quali sia

spetta ai rappresentanti legali, oltre che ai
demandata dal Consiglio di amministrazione.

COPIA INTEGRALE DELLO STATUTO È A DISPOSIZIONE DEI SOCI-ASSICURATI PRESSO LA SEDE DELL'AGENZIA.

29


Related documents


a
spese vetsaraincasa
inat polizza inidoneita temp v18 hi res
contratto collaborazione agenzia nuovo
microsoft word bando per affidamento in concessione teatro g villa
polizza reale documentazione compagnia 1 1


Related keywords