PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover Search Help Contact



Massoneria e Sette segrete Epiphanius.pdf


Preview of PDF document massoneria-e-sette-segrete-epiphanius.pdf

Page 1 2 3 456716

Text preview


progresso infallibile, correlata a sua volta e supportata, sul piano naturalistico, dall'evoluzionismo
darwiniano.
Trattasi, a ben vedere, di una adattata riesumazione dell'antica credenza pagana nel fato,
nel destino irrevocabilmente scritto nelle stelle; una dottrina che è oggi penetrata persino nella
teologia cattolica del Concilio Ecumenico Vaticano II attraverso l'evoluzionismo biologico e
sociale del gesuita Teilhard de Chardin, maitre à penser, grazie anche al suo discepolo e
confratello de Lubac. Abbiamo già illustrato l'effetto psicologico e politico di questa
assolutizzazione e divinizzazione della storia e del suo divenire, in definitiva di questa religione
dell'uomo, protagonista della storia, una religione che, eliminando ogni parametro trascendente e
immutabile di giudizio e di valore, altra scelta non lascia, a chi ne viene irretito, se non tra la fuga
veloce in avanti sulla strada già segnata e il rallentamento della marcia, sempre però nella stessa
restabilita direzione, dando così luogo alla nota dialettica tra “progressisti” e “conservatori”.
Ora è evidente che non vi è schiavitù più sicura di quella di chi si ritiene libero
scambiando per libertà la lunghezza della propria catena. Nella comune accettazione di questa
Weltanschauung fondamentale è dato cogliere la profonda unità che, al di là di superficiali, anche
se violente, contrapposizioni, lega le diverse ideologie e utopie richiamate all'inizio di questa
prefazione.
Una volta ammessa l'esistenza delle due citate categorie di uomini, quella dei manipolatori
che non credono affatto alla autonomia e ineluttabilità della storia e che dominano i programmi
scolastici e mass mediatici per dirigerne la marcia, e quella dei manipolati, che invece
fermamente vi credono, non si può non capire che il buon successo dell'opera dei primi è
rigorosamente subordinatoalla condizione che i secondi la ignorino, e postula pertanto un
retroscena della cultura, della politica e anche della storia del nostro tempo in cui registi o, se si
preferisce, burattinai invisibili al pubblico, dirigono le condotte dei personaggi che, consapevoli o
inconsapevoli di quella regia, si muovono sul palcoscenico illuminato dalle luci della ribalta, a
partire da coloro che vi appaiono come capi fino all'ultima delle comparse.
Il segreto, dunque, è la condizione prima e fondamentale del dominio dei manipolatori.
La seconda condizione, anch'essa indispensabile, è la piena disponibilità del potere finanziario e
di quello politico che ne dipende, e, attraverso di essi, dei programmi scolastici e mass mediatici.
Ma il controllo, ovviamente più coperto e ignorato possibile, di tali programmi, non basta agli
iniziati ai segreti nascosti alla massa profana.
Ci possono infatti essere dei deprecabili guastafeste che invece di accontentarsi del
boccone già premasticato che viene loro amorevolmente ammannito, vanno a frugare tra vecchie
carte dimenticate, giungono in possesso di documenti magari non segreti, ma riservati ai circoli