ulibor .pdf

File information


Original filename: ulibor.pdf
Title: Microsoft Word - ulibor.docx
Author: Witch-King of Angmar

This PDF 1.5 document has been generated by PScript5.dll Version 5.2.2 / Acrobat Distiller 11.0 (Windows), and has been sent on pdf-archive.com on 18/02/2015 at 09:54, from IP address 93.45.x.x. The current document download page has been viewed 480 times.
File size: 241 KB (2 pages).
Privacy: public file


Download original PDF file


ulibor.pdf (PDF, 241 KB)


Share on social networks



Link to this file download page



Document preview


 

Ulibor
Nome Completo: Corporazione delle Città di Ferro dell’Ulibor ß
Nome Ufficiale: Готротачоне Гффа Жетто Флват
Lingua Ufficiale: Krievija
Capitale: Navàrova
Forma di Governo: Sconosciuta
Sovrano: Sconosciuto
Superficie: 58.332 ruote2
Popolazione: Sconosciuta
Composizione Etnica: Sconosciuta
Simbolo:

Territorio: L’Ulibor è una regione esageratamente grande; è la più vasta in tutto l’Ereb. Vi sono grandi
distese pianeggianti, grandi catene montuose, laghi e fiumi. Nel territorio spiccano le loro “Città di Ferro”:
dall’esterno è possibile osservare semplicemente delle enormi strutture di ferro che affondano nella terra,
su ognuno di questi “cosi” è distinguibile una specie di portone recante lo stemma sopra raffigurato; nessuno
sa con esattezza quante di queste strutture ci siano sul territorio, poiché i rapporti con l’esterno sono
estremamente limitati. Al di fuori di queste “realtà” vi sono zone, sparse su tutto il territorio, popolate
da uomini, con una cultura molto simile a quella dei barbari. Il clima, per la maggior parte del tempo non
è molto ospitale, essendo le temperature molto rigide.
Società: La Corporazione delle Città di Ferro, è sicuramente ciò che maggiormente si avvicina ad un’idea di
“governo” nell’Ulibor; in realtà non esiste uno stato che effettivamente riunisca o governi tutte le persone
che vi abitano. I pochi racconti di ciò che ci sia all’interno delle strutture in metallo, riportano di città
costruite su molti livelli, sia al di sopra che al di sotto del manto di terra. Dai vari tentativi di
comunicazione con la popolazione autoctona, si è arrivati a capire che la città più grande è nel cuore
dell’Ulibor, e viene chiamata Navàrova dai locali. Lontano da queste “città” ci sono comunque moltissimi
 

 

insediamenti popolati da barbari locali che non rispondono a nessuna forma di stato; molto semplicemente si
“auto-amministrano”. Non si conosce la composizione etnica di questa grande distesa di terra, sappiamo per
certo che ci sono umani; in alcune zone sono stati avvistati orchi e goblin, ma tutto il resto rimane un
grande punto interrogativo.
Religione: Su quanto succeda all’interno delle città di ferro, c’è buio assoluto. Per quel che riguarda le
popolazioni locali, dipende dalla zona; sono stati avvistati altari dedicati a Ultor, Luda, Necras o Esdra;
con ogni probabilità se ci sono delle tribù di Orchi o Goblin, essi venerano Noctis.

 


Document preview ulibor.pdf - page 1/2

Document preview ulibor.pdf - page 2/2

Related documents


ulibor
reami di umlarion
federcinismo la federciclo piu mondialista
protezionecivile in famiglia
proposta di legge regionale del 2009
direttamenteroma revoca asili nido tiburtina 26 aprile

Link to this page


Permanent link

Use the permanent link to the download page to share your document on Facebook, Twitter, LinkedIn, or directly with a contact by e-Mail, Messenger, Whatsapp, Line..

Short link

Use the short link to share your document on Twitter or by text message (SMS)

HTML Code

Copy the following HTML code to share your document on a Website or Blog

QR Code

QR Code link to PDF file ulibor.pdf