N5 ad limitum.pdf


Preview of PDF document n5-ad-limitum.pdf

Page 1...3 4 56769

Text preview


l’INQUIETO

Altrimenti non smetterà di puzzare.
***
La sentinella ficca una sigaretta in bocca e tuffa
una mano nella tasca del giaccone. Rovista per un
po’, cerca qualcosa, non trova.
Sputa copiosamente e bestemmia fra i denti, alla
fine alza il braccio in direzione della torretta più
vicina, la numero sei.
Il pollice va su e giù fino a quando l’altra vedetta
non dà cenno d’aver inteso.
“Vieni tu”, dice.
La sentinella sbuffa. Sul ponte tira un vento mortifero
che latra dappertutto. Fucile in spalla s’incammina
verso l’altra torretta. Le raffiche beffarde stuzzicano
il bavero e le maniche della giacca.
Soltanto vento sul ponte, e i passi infastiditi
dell’uomo. La solita notte di sigarette e raffreddori
a presidio di un ponte che nessuno si sogna di
varcare.
Adesso la sentinella fumerà con il collega, scambierà
qualche battuta di circostanza sul tempo e l’umidità
infame, poi guarderà per un po’ le torrette distribuite
lungo il perimetro del ponte, rigide una dopo l’altra,
le osserverà prendere colore fino a quando non sarà
ora di tornare a casa.
Nel frattempo una figura bluastra appostata nella

8

9

E D I T O R I A L 9E

boscaglia sarà strisciata via dal suo nascondiglio
e avrà già approfittato della distrazione delle due
sentinelle. Non ci è dato sapere quanto tempo
sia durata l’attesa – se ore, o giorni, o mesi – ma il
momento è giunto, e la figura si è incuneata come
un’infezione nel territorio negato.

L’Inquieto