PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



L'APPLICAZIONE DEL D.LGS. 8108 NELLE SCUOLE .pdf



Original filename: L'APPLICAZIONE DEL D.LGS. 8108 NELLE SCUOLE.pdf
Title: Microsoft PowerPoint - DE SANTIS Ambiente Lavoro 2015.pptx
Author: paola

This PDF 1.4 document has been generated by PDF24 Creator / GPL Ghostscript 9.14, and has been sent on pdf-archive.com on 23/10/2015 at 15:12, from IP address 79.60.x.x. The current document download page has been viewed 402 times.
File size: 7.4 MB (35 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


L’APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08
NELLE SCUOLE
La gestione pratica della sicurezza nelle
scuole di ogni ordine e grado
Studio Tecnico Sicurezza

Ing. Leo De Santis
Sicurezza nell'ambiente di lavoro - Marcatura CE - Piani di sicurezza per cantieri edili - Prevenzione incendi – Acustica – Informazione e Formazione

RELATORI: Ing. Leo DE SANTIS e Arch. Paola CAPECE

ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

L’APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA DEVE TENERE CONTO DELLE
SPECIFICITÀ DEL SETTORE
D. Lgs. 81/08, art. 3 - campo di applicazione
1. Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici,
e a tutte le tipologie di rischio.

2. Nei riguardi ... degli ISTITUTI DI ISTRUZIONE ed educazione di ogni ordine
e grado, ... le disposizioni del presente decreto legislativo sono applicate
tenendo conto
• delle effettive PARTICOLARI ESIGENZE connesse al servizio espletato
• dalle PECULIARITÀ ORGANIZZATIVE
ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

1-PECULIARITÀ ORGANIZZATIVE

Nel mondo della scuola le PECULIARITÀ ORGANIZZATIVE sono riferite alla
specifica DEFINIZIONE da dare alle figure classiche della sicurezza

Il normale
ORGANIGRAMMA della
SICUREZZA assume
sfumature e definizioni
diverse e non banali
desunte da anni di
chiarimenti

APPROFONDIAMO

ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

D.M. 21/06/1996 n° 292
Individuazione del datore di lavoro negli uffici e nelle istituzioni
dipendenti dal Ministero della Pubblica Istruzione, ai sensi dei
DD.LL. n. 626/94 e n. 242/96.
....
Art. 1.
Ai fini ed effetti dei DD.LL. n. 626/94 e n. 242/96 citati in premessa […] il DATORE
di LAVORO per gli uffici e le Istituzioni Scolastiche dipendenti dal Ministero
della Pubblica Istruzione viene individuato, per quanto riguarda gli obblighi di
loro competenza, come segue:
....
C) Istituzioni scolastiche ed educative statali: i Capi delle Istituzioni Scolastiche
ed Educative Statali;
....
ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

Art 2.

D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81
Attuazione dell’articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123 in
materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di
lavoro.
....

b) «datore di lavoro»:
• il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore
• o il SOGGETTO che secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui
ambito il lavoratore presta la propria attività, che ha la responsabilità
dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri
decisionali e di spesa.
ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

Circa i POTERI AUTONOMI E DECISIONALI DI SPESA occorre fare riferimento alla
normativa scolastica specifica e, in particolare per i dirigenti scolastici:
D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165
Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche
Tale Decreto dice che il Dirigente scolastico ha la legale rappresentanza della Istituzione scolastica, è
responsabile delle risorse finanziarie e strumentali, ecc...

D. Int. 1 febbraio 2001, n. 44
Regolamento concernente le “Istruzioni generali sulla gestione amministrativocontabile delle istituzioni scolastiche”
Nella redazione del programma annuale occorre prevedere anche i finanziamenti per pagare
• l'RSPP ed ASPP,
• il MC,
• la formazione,
• le consulenze,
• l’adeguamento delle attrezzature e dei materiali didattici, ecc.
ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

Il DdL nella scuola IN REALTÀ È UNA FIGURA SCHIZZOFRENICA
Legge 11 gennaio 1996 n.23
Norme per l’edilizia scolastica
indicazioni in merito alla gestione e conservazione del
patrimonio immobiliare rappresentato dagli edifici scolastici.
Art. 3 Competenza degli enti locali
1. In attuazione dell’art. 14, comma 1, lettera i), della legge n. 142/90,
provvedono alla realizzazione, alla fornitura e alla manutenzione ordinaria e
straordinaria degli edifici:
a) i COMUNI, per quelli da destinare a sede di scuole materne, elementari e
medie;
b) le PROVINCE, per quelli da destinare a sede di istituti e scuole di
istruzione secondaria superiore.
ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo

C. M. 29 aprile 1999, n. 119
le attività di INTERVENTI STRUTTURALI e di MANUTENZIONE
necessarie per garantire la sicurezza dei locali e degli edifici adibiti ad
istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado ed educative,
siano a carico dell'Ente locale tenuto alla loro fornitura e manutenzione
In tal caso gli obblighi previsti dalla legge 626/94, relativamente ai
predetti interventi, si intendono assolti da parte dei Dirigenti con la
richiesta del loro adempimento all’Ente locale competente
D. M. 29 382/98
Il datore di lavoro, ……, deve richiedere agli enti locali la realizzazione
degli interventi a carico degli enti stessi, ai sensi dell'articolo 4, comma
12, primo periodo, del decreto legislativo n. 626;
ing. L. De Santis –arch. P. Capece Sede A.N.CO.R.S. Teramo


Related documents


l applicazione del d lgs 8108 nelle scuole
la valutazione del rumore negli ambienti di lavoro
il rumore negli ambienti di lavoro dalla teoria alla pratica
formazione classi
confronto articolo 71
la sicurezza 2 0 razionalizzazione e semplificazione


Related keywords