PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



un fan di Simo considerazioni .pdf



Original filename: un fan di Simo considerazioni.pdf
Author: giorgia bernardini

This PDF 1.5 document has been generated by Microsoft® Office Word 2007, and has been sent on pdf-archive.com on 12/12/2015 at 03:51, from IP address 93.40.x.x. The current document download page has been viewed 259 times.
File size: 301 KB (8 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


CONSIDERAZIONI FINALE GF IN STUDIO

Carissimi, mettiamo in chiaro una cosa subito: o vi inventate tipo “allocen
facci la recensione dei nuovi film al cinema, delle mostre di arte povera, delle sagre del fungo porcino”, o io
assumo un paio di antidepressivi (chiederò a livio, nel caso, i suoi sono speciali) perché tutto questo mi mancherà,
e la consapevolezza che sia l’ultimo resoconto per quest’anno mi fa sentire una teenager che sfogliando Cioè
scopre che gli adesivi alla fine se li sono fregati in edicola.
Chiarito questo: ultima puntata! Finalissima! Le ultime 3 ore e 47 su Alessandro e gli ultimi 13
minuti su TUTTO IL RESTO DEL MONDO!
Come sapete ho assistito alla faccenda dal vivo, ai medesimi posti della volta scorsa,
accompagnato dalle stesse persone ed introdotto dalla medesima. Era chiaro che tutta ‘sta
scaramanzia non sarebbe mai stata utile a far vincere Simone, dato che con la mia squadra di
calcio del cuore non funziona mai.
A proposito dei posti a sedere, in virtù della mia immeritata prima fila ci tengo a fare un paio di
considerazioni:
- Ho battuto Luca, il fidanzato di Cherridere, di due file.
- Ho battuto i parenti dei concorrenti di una fila
- Ho battuto tali Christian e Tara di tre file.
- Ho battuto il figlio della Marcuzzi, di una fila.
- Ho pareggiato con Giulia, la finta fidanzata di Luca. Che peraltro credo abbia vinto perché con
la sua quinta abbondante praticamente intralciava i cameramen sul palco. Che Dio la protegga
e la benedica sempre.
Subito un inciso: il pubblico in studio era inguardabile e inudibile. Si lo so, per qualcuno di voi
la cosa stonerà, immagino che determinati boati a favore di federica o contro Alessandro siano
stati apprezzati, ma vi assicuro che dal vivo, anche ai fini della trasmissione, avere mezzo
studio che non applaude, non urla, non tifa, non parla se non per Federica (o mal che vada per
infangare senza controllo qualcun altro) non è il massimo. Ed è l’ennesima dimostrazione che il
confine fra apprezzamento e fanatismo è molto sottile, e quel confine si chiama Ignoranza.
Era chiaro dunque sin da subito l’esito finale, anche perché per qualsiasi altra elezione che non
fosse stata quella di Fede, penso che quella passerella sarebbe diventata la striscia di Gaza.
Ex concorrenti tutti in gran tiro, però il premio “Caso inquietante” lo vincono le gemelle. Lidia è
inguardabile, Jessica bellissima. Sono MONOZIGOTE. Wtf??!

1.
Malgioglio sempre in gran forma seppur vestito da Pandoro, Amendola sempre distaccato seppur riempito di
soldi del cachet. La costanza che ha quest’uomo nel manifestare la sua insofferenza nell’esser lì è seconda solo
a quella del suo protetto Alessandro nel proporre barzellette che non fanno ridere.

La serata inizia in modo particolare, tutti i concorrenti si mettono in fila sul palco per una carrellata Live
abbinata al video-encomio che avete visto in apertura. Partiamo subito bene perché mi passa davanti Valentina,
strizzata in un nastrino dorato avanzato dall’ outfit-bauli di Malgioglio che le più ottimistiche fra voi
chiamerebbero “vestitino attillato”. Proseguiamo ancora meglio perché il cameraman, scorrendo le
inquadrature in movimento delle persone in fila, riesce a inquadrare tutti tranne Amendola, perché il doc lo
impalla. Claudione, sempre sportivo, la prende peggio di un rigore di Totti sulla traversa al 90esimo. Ma finge
nonchalance guardando bonariamente l’operatore. Probabilmente pensava “Devo solo ricordarmi da chi andare
a fine puntata per farlo licenziare”.

Il video è un po’ toccante. E’ toccante soprattutto vedere a chi appartengono i volti che taaaaante volte
abbiamo maledetto in questi tre mesi.
Ma bando alle ciance, puntata!

Essendo la finale, la scaletta prevede almeno stavolta originalità: si comincia con Alessandro.
Il prode Don Zerbinandro della serie famosa in tutto il mondo, onorerà infatti il garage della sua presenza. Lui
non sa perché e tutto quello che immagina inizia per L e finisce per
idiaiosonoconfusoparliamoneinunluogoappartatotipopomeriggiocinque.
E invece no, la bella (!) catanese stavolta non c’entra, è qualcosa di molto più soft, più tranquillo e gestibile,
qualcosa di piacevole: deve solo scoprire che lui è si in finale, ma non con Rebecca e Livio che hanno meno
spettatori del senatore Razzi che fa uno strip in un club privè di Foligno, bensì dovrà vedersela con Kevin,
Manfredi, Simone e Federica, dove il più scarso dei quattro ha appoggi del pubblico tali che Putin li
baratterebbe con San Pietroburgo per averne la metà in Crimea.

Il nettunese la prende bene. Dove la prende però non viene mostrato. Seppure, a giudicar dalle variazione
cromatiche facciali, si ipotizza che non guasterebbero 10 cc di efedrina.

Una volta rientrato in casa ha luogo il primo dei settantacinque freeze della serata, ove anche gli immobili reb e

livio scoprono la verità.
Qui, invece di una battuta, vorrei fare un inciso reale: a me è dispiaciuto. Oh, prendetemi per scemo, io rebecca
la odio, ma questa scena secondo me è stata inutile e gratuita. Se non gradisco un concorrente lo voglio fuori,
voglio che si confronti e perda quel confronto, non voglio che tutta la settimana si convinca di essere piaciuto
al pubblico, non voglio che sogni gloria e faccia progetti per eventuale vittoria, per poi scoprire che non è vero.
Non mi piace, non mi è piaciuto lo scorso anno, non mi è piaciuto stavolta. Ecco perché ho applaudito Livio,
sono stato felice mi abbia pure ringraziato: perché mi dispiaceva. Livio, peraltro, scaricato in 16 secondi una
volta rientrato in studio. Ma sarò strano io che devo dirvi.
Vabbè detto ciò (e persi altri 44 minuti a RIFARE la stessa gogna a Rebecca fatta pochi giorni fa): si comincia
con le eliminazioniiiiiiii yuuuuu uuuuu.
No scherzo non è vero: scenetta con Alessandro.
Come sapete la produzione ha deciso di rinnovare per altre due stagioni la serie tv di cui è protagonista il bel
zerbino, bisognava dunque girare il finale che sarebbe servito anche da promo per vendere i diritti all’estero.
Come tutte le favole che si rispettino, il protagonista che prima ama un’altra, poi ritrova l’amor perduto, poi lo
cerca ma non è corrisposto, poi finalmente viene ricambiato, poi ha dei dubbi, bacia un’altra e non sa cosa
fare….

Rullo di tamburi…

…rompe gli indugi e si fidanza con la donna della sua vita, aprendo le porte ad una convivenza!
Che bello non vedo l’ora di vedere la season 2

Speriamo facciano anche un film.

Vi voglio bene, pertanto non mi dilungherò, anche qui, con questa vicenda che sembra tanto organizzata al
punto che ‘sto dubbio non me lo leverò mai.
A sorpresa il primo eliminato è Kevin anziché Alessandro, per quanto le loro percentuali fossero comunque
vicine ed entrambe bassissime. Molti si sono indignati, per questo. Vorrei ricordarvi che per far andare avanti
un concorrente non basta averlo in simpatia, commentarlo nel live e dire quanto è carino e che bella amicizia
con Simone. Bisogna pure votarlo.
Kevin ha il best più best tra i best della serata, nonché un’entrata perfetta per il suo personaggio. Spero che la
tv acquisti un nuovo valido elemento nel panorama dei Vj. Lo merita.
L’accoglienza riservata ad Alessandro è diametralmente opposta, anche in virtù del pubblico-ultras di cui
sopra. Lui tutto sommato se la cava mantenendo il sorriso e salutando tutti, anche chi lo fischiava tre metri più
in là. Crolla inspiegabilmente per la cosa più stupida: la percentuale.
Ora, non so a casa sua come funzioni, ma a casa mia già in cinque la media percentuale massimale è venti, se

sai – e lo sai – che non sei amato e hai avuto pure il 5% anziché lo 0.3, di cosa ti stupisci?

Ma soprattutto di cosa mi stupisco che lui si stupisce?

In breve comunque ci liberiamo anche di lui, che si affretta a guadagnare il parterre ex concorrenti dove lo
attende una lidia radiosa e con in mano il rogito dell’appartamento cointestato da firmare. Auguri e figli
normali ragazzi.

Nel mentre, prima e dopo le vicende di cui sopra, c’è tempo per un paio di sane marchette che fanno tanto bene
alle tasche della produzione. I The Kolors li ho graditi, è stato un bello spettacolo dal vivo e quel tipo col nome
e la cresta da spruzzino sgrassatore per piatti è molto bravo.

Ma vi dirò una cosa che non avrei mai pensato, vedendolo dalla tv: è ciccione.

Ho gradito meno la marchetta di Pieraccioni. Il toscano che tanto ha rotto i cogl fatto divertire l’Italia fa il suo
ingresso in casa in evidente stato di ebbrezza, tanto da sfasciare con il piccone un muro vero invece di quello in
compensato adibito per lo sketch. Ma non fa nulla, la parete portante del programma non era quella, ma ha
gambe e braccia e si chiama Alessandro.
La sorpresa a Simone è molto carina: una fantastica vecchietta, la nonna, gli fa i complimenti per il percorso, lo
elogia per le virtù mostrate, lo esorta a perseguire i suoi obiettivi, ma soprattutto conclude nel modo in cui
qualsiasi bellissima nonna concluderebbe un discorso al nipote: devi studiare.
Avrei aggiunto anche “Hai mangiato?”, sarebbe stato davvero il massimo.

Nello studio il clima è vagamente surreale. In virtù degli eventi successivi, col senno di poi, lo definirei un
clima esattamente a metà fra la palpabile percezione dell’ovvio (vittoria fede) e la non spiegabile intuizione del
non ovvio (l’uscita di simone).
Messa così è un po’ intricata, è difficile da spiegare. Tenete conto che però ero a stomaco vuoto da non so
quante ore, gli schienali erano scomodi e non fumavo dalle sette e trenta. Sragiono facilmente, in tali
condizioni di cattività.
Da segnalare una Rebecca che nel corso della puntata ha avuto diversi crolli emotivi, pare. Evidentemente la
gogna finale, unita alla disillusione della finale mancata, ha avuto i suoi effetti.
Inoltre, sempre in ambito ex-concorrenti, merita un plauso il mitico Peppe, che faceva ampi cenni dalla mia
parte in direzione di due tipe mica male, entrambe sue amiche. A fine puntata chiederà al buttafuori di farle

accompagnare nel retro-stage per incontrare lui.
Grande Peppe vero eroe.

Lo spartiacque della serata verso l’ultimo stralcio è sancito dall’impensabile: terza e ULTIMA eliminazione
della serata. Dopo di ciò, solo l’elezione del vincitore. Tutti, e dico tutti, abbiamo immaginato l’ovvio, ossia
Simone e Federica abbracciati ad attendere il verdetto. E invece no, perché l’ovvio spesso lascia spazio a quella
congiunzione planetaria intrisa di fatalismo e precarietà senza tempo che si chiama multi-account fasulli.
E quindi esce Simone.

Vorrei spiegarvi la delusione mista a stupore mia, del pubblico in studio, di Kevin che grida “No!” con le mani
nei capelli. Ma non lo farò, perché l’avete vissuta anche voi nello stesso modo. Almeno quelli, fra voi, che per
Simone ambivano a posizioni massime o almeno seconde solo a Federica.
La sua reazione è da manuale di comportamento perfetto. Sorrisone stampato sulle labbra, nessun eccesso né di
gioia (sarebbe risultato inverosimile) né di tristezza. Un ingresso in studio perfetto, nello stile pazzo&logico
che lo ha sempre contraddistinto. Mattatore indiscusso della puntata, seppur circoscritto a una votazione
ingiusta e a quei sei minuti di intervista con la Marcuzzi, che però fa in tempo a baciare come farebbe il
supereroe con protagonista salvata alla fine del film.

Bravo. Bravo. Bravo.

Pillola del live: una volta fatto accomodare Simone mi è stato possibile apprezzare la scenata di Chiara
Tontarella dalla sua inutile social room.
La povera socialvipqualcosa, infatti, brandendo la scaletta della puntata, si sbraccia e lamenta con foga per non
essere stata cagata per-tutta-la-serata, evidentemente a causa dei tempi ristretti, avendo avuto così modo di
leggere solo un tweet per kevin e niente più su nessun altro.
Fatti forza piccola chiara tontarella, la vita è densa di asperità ma vedrai che se terrai duro anche tu troverai il
tuo posto al sole, guarda dov’è arrivata la Del Santo con The Lady, grazie ad internet.

Siamo dunque alle parzialmente improbabili battute finali. E’ tempo di decretare il vincitore, il re dei re o la
regina delle regine di questa edizione del grande alessand fratello.
Dopo un messaggio del padre di Manfredi, che decide di esporsi solo dopo aver avuto la certezza che il figlio
sarebbe arrivato ALMENO secondo, c’è la sorpresina per Federica.
Si tratta di un nastro lungo 44 Km che porta esattamente al punto di partenza dove si trova uno specchio.

Federica prende lo specchio, si vede riflessa, e piange.

Glissiamo sulle più svariate ipotesi del perché una ragazza, specchiandosi, pianga (si va dall’aver notato una
sbavatura nel rimmel a teorie psicofilosofiche di Kirkegaard).

Ci siamo, è il momento tanto atteso dai telespettatori, e pensare che sono soltanto le 3e20 e metà del pubblico è
afflitto da piaghe da decubito (Malgioglio necessita di soventi spugnature).

Dopo aver messo fine all’assurda bolletta della luce annuale, i ragazzi vengono portati in studio dopo aver
attraversato un bagno di folla.
Nel teatro fanno il loro ingresso dunque Manfredi, la zazzera di Manfredi, Federica, l’amica di sinistra di
Federica e l’amica di destra di Federica.
Tutti e cinque si accomodano al centro con la Marcuzzi (esattamente davanti a me), e per concludere
quest’enorme copia incolla del GF13, il verdetto verrà mostrato tramite freeze, che noi in studio non capivamo
se era pure per noi, con i concorrenti immobili, che però devo prendere la busta e leggere, che però non riporta
il nome, che però non doveva andare così perché era un freeze.
Alessia prende in mano la situazione prima che faccia mattina e pone fino a ‘sto strazio: ha vinto Federica.
Boato in studio. Onore alla vincitrice.
Reazione molto sobria del sottoscritto, provato dall’eliminazione di Simone. Ho anche scambiato due
chiacchiere con Manfredi rimastoci malissimo (quando sentite lui dire “Vabbè lo rifaccio l’anno prossimo”, nel
mezzo dei festeggiamenti, sta rispondendo a me che applaudendolo gli dicevo “Non ci pensare, come vedi era
impossibile per tutti.”).

Da lì in poi è il delirio, non capisco più se la puntata è finita o meno, sono pieno di coriandoli fin dentro le
mutande e in tutto ciò Peppe guarda verso di noi e ride, e non so perché. Io nel dubbio gli do il cinque.

Strillo un paio di cose a Simone, che mi ringrazia. Non riesco a fare altro perché vengono portati via tutti, e noi
fatti accomodare gentilmente fuori in 30 secondi.

E’ stato bello, bellissimo. Tutto. A prescindere da tutto, e voi sapete a cosa mi riferisco.
Ma essendo questo il mio ultimo post, ed essendo incostituzionalmente lungo, di seguito ne troverete un altro.
Che è speciale.

------------------------------

E’ giunta l’ora di ringraziarvi e salutarvi. Non che questo sia il mio ultimo post dell’anno, anzi, cavalcherò
volentieri l’onda del dopo-gf commentando con voi fintanto che durerà. Ma dato che non esisterà un vero
punto di fine, ma pian piano, un bel giorno, ci scopriremo a non leggerci più fino alla prossima edizione, non
voglio correre il rischio di non dire un paio di cose a cui tengo.

E dato che sono da sempre un fanatico del “doping letterario”, mi piacerebbe che leggeste quanto segue
ascoltando come sottofondo questa traccia:.

O almeno io, è con queste note in cuffia, a cui tengo immensamente, che l’ho scritto.

Grazie.
Sembrerà sciocco esordire così banalmente, ma è davvero la prima cosa che mi sento di dire. Grazie perché ho
condiviso con voi l’esperienza spettatoriale di un programma che, vuoi o non vuoi, mi piace. Adoro riuscire a
vedere ancora del bello, dell’affascinante dietro i moti assurdi e inspiegabili che governano i cuori della nostra
specie.

E incredibilmente riesco a intravederne barlumi eleganti in un reality show.

Se sono strano io non lo so, molti non badano a certe sfumature, ma se è così sono felice di essere iscritto a un
forum con altri 49.761 persone strane.

Non menzionerò tutti perché sarebbe impossibile non dimenticare il nome di qualcuno a cui vorrei dedicare un
pensiero, ma sappiate che li ho tutti fissi in mente. Sappiate che ho letto ogni vostro commento, e sono stato
felice di ogni vostro apprezzamento, sempre.
Non mi conoscete, ma per me conta tanto ve lo posso assicurare.

Voglio fare solo due eccezioni “nominali”:

Grazie Haske, sembri davvero una splendida persona. Ho adorato alcune specifiche sfumature di te, come per
esempio il fatto che io non sappia praticamente nulla di te e la cosa non ha minimamente influito sui nostri
confronti relativi al programma e non solo. Grazie per il tuo cervello davvero “bello”, per la tua ironia e per i
tuoi infiniti, e immeritati, complimenti per me.

Grazie a Francesco88 che mi ha dato modo di poter godere di un piccolo spazio dove dare sfogo ai miei deliri,
come questo topic o quello sull’acquario. Non dimentico mai nulla e non mancherò di continuare a ricambiare
anche in futuro con articoli che possano interessare gli utenti, se mi si darà modo di farlo.

Grazie agli utenti del topic Simone Nicastri, con i quali ho condiviso la mia preferenza per questo concorrente.
Siete stati davvero una felice unione di puntini in questi tre mesi.
E grazie in generale a tutti gli utenti con cui ho avuto scambi di opinioni, alcuni li ho contattati personalmente
via mp, altri lo leggeranno qui.

Siete stati vero cibo per la mente.

www.nelmultiverso.wordpress.com
Questo è il mio blog, per chi avesse voglia di leggere un po’ di pensieri che butto giù ogni tanto. Ci sono un
po’ di articoli ma non lo aggiorno da un po’. Domani ricomincerò a farlo, e se mi è tornata la voglia lo devo
soprattutto a voi e ai vostri commenti.

Ecco, perché vi sto ringraziando.
Ale


Related documents


considerazioni finale gf in studio
avira il miglior antivirus gratuito per windows
claudia zara e d e terzo anno triennio p a i pdf
cronologiamm2
1975 gente di frontiera leo talamonti
centri estetici milano1609


Related keywords