PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



35incarCR2 (1) .pdf


Original filename: 35incarCR2 (1).pdf
Title: Layout 1

This PDF 1.4 document has been generated by QuarkXPress(R) 8.51, and has been sent on pdf-archive.com on 08/03/2016 at 15:22, from IP address 2.34.x.x. The current document download page has been viewed 278 times.
File size: 344 KB (2 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


MATERIALI

Pellicole solari,
nuove applicazioni
idurre l’irraggiamento solare, abbassare i costi del
condizionamento
estivo, rendere sicuri i vetri in
caso di rottura ed eliminare riflessi e abbagliamento. Sono alcune delle finalità principali
delle “pellicole vetri”, un settore
produttivo che non dipende più
soltanto dall’automotive e si
presenta ora in tutta la sua potenzialità anche in altri ambiti
come l’edilizia. Ida Nunziante,
amministratore unico e general
manager della Incar Service di

R
La Incar Service ha
sede a Napoli
www.incarservice.it

56 • LEADER • 2014

Spinto anche dalle nuove normative, il settore
dei film a controllo solare valica i confini
dell’automotive, interessando l’edilizia e sviluppando
interesse per nuove ricerche e campi di applicazione.
Ida Nunziante ne illustra le potenzialità
Remo Monreale

Napoli, spiega nel dettaglio le
caratteristiche di un comparto
produttivo in pieno sviluppo,
grazie anche al notevole incremento della sensibilità in materia di risparmio energetico e sicurezza. «Le pellicole a controllo
solare per vetri – dice Nunziante

– hanno numerosi vantaggi che
rappresentano un efficace strumento nelle mani dei progettisti, per ottenere le migliori prestazioni
dell'involucro
trasparente. Offrono, infatti, un
perfetto bilanciamento tra la necessità di salvaguardare l'isolamento termico e controllare la
componente solare e luminosa.
Riducendo fortemente l'ingresso dell'irraggiamento solare, nonostante una visione
limpida dell'esterno, limitando
quasi totalmente il passaggio
degli ultravioletti e respingendo
un'alta percentuale di raggi infrarossi, questi prodotti si dimostrano una valida alternativa ai tradizionali sistemi di
schermatura, soprattutto se inserita in contesti di interventi
di ristrutturazione dell'edificato
esistente. Lo stesso d.P.R. 59
del 2009, che rende obbligatorie le schermature solari esterne
per i nuovi edifici e per le ristrutturazioni, indica in alternativa l’utilizzo di pellicole a

Ida Nunziante

controllo termico».
La Incar è nata nel 2011come
azienda per la fornitura, la distribuzione e l’installazione di
film vetri, con una compagine
sociale al 90 per cento al femminile. «Nel corso del 2013 –
continua Nunziante – abbiamo
avuto un incremento di ordini
e fatturazione. Questo è un risultato che non deve stupire
date le opportunità che offriamo: per esempio, riducendo
l'energia (calore) prodotta dall'irraggiamento solare incidente
sulle vetrate, si riesce a ridurre
fino al 35 per cento i costi per
il condizionamento estivo.
Questo sensibile risparmio
energetico assicura l'ammortamento della pellicola in un arco
di tempo medio massimo di
due anni. Un altro esempio è la
riduzione dell'abbaglio riflesso
sui videoterminali come previsto dal Testo Unico della Sicurezza. Se a questi aspetti si aggiungono la vasta scelta di
gradazioni luminose (a basso o
alto effetto specchio) e la facilità
di pulizia e assenza di manutenzione (doppio coating antigraffio con 80 per cento in più
di resistenza alle abrasioni), si
spiega facilmente da cosa derivi il nostro trend positivo».
Le norme attuali giocano un
ruolo importante nella diffusione delle pellicole vetri. «In
tema di protezione antinfor-



Riducendo l'energia prodotta
dall'irraggiamento solare incidente
sulle vetrate, si riescono a ridurre i costi
per il condizionamento estivo fino
al 35 per cento

~

tuni e di illuminazione dei luoghi di lavoro – spiega l’amministratore della Incar – si richiede di rendere i vetri sicuri,
per evitare che in caso di rottura
possano arrecare danni alle persone. Le nostre pellicole possono trasformare qualsiasi vetro
normale in “vetro stratificato di
sicurezza” certificato a norme
Uni En Iso 12543 – Uni 7697
– En 12600: il vetro non
esplode e in caso di rottura i
frammenti restano attaccati alla
pellicola. Inoltre, l’installazione
della pellicola di sicurezza non
comporta nessuna modifica degli infissi, nessun disagio dell’attività lavorativa e costi decisamente contenuti». L’azienda,
tra l’altro, è l’unica in Italia a

possedere entrambe le certificazioni iso 9001 e 14000 rilasciate dall’Agenzia Accredia.
Le possibilità di innovazione
sui film vetri sono ancora numerose, così come i campi d’intervento. «Per il 2014 – afferma
Nunziante – puntiamo a sviluppare anche l'applicazione di
una pellicola Neutraltouch antimicrobica, ideale per tutte le
superfici anche schermi e tastiere touchscreen: questi film
neutralizzano la possibilità di
trasmissioni da contatto e proliferazioni di microorganismi,
la possibilità di biofouling e,
infine, azzerano la possibilità di
trasmissioni di infezioni derivanti da microorganismi, batteri, funghi e muffe».
2014 • LEADER • 57


35incarCR2 (1).pdf - page 1/2
35incarCR2 (1).pdf - page 2/2

Related documents


PDF Document 35incarcr2 1
PDF Document pdfsharing
PDF Document 1997 art 50 legge 449 accertam con adesione
PDF Document 13 retro
PDF Document la verticale in appoggio sulle man1
PDF Document 6748354314


Related keywords