Manuale delle Razze Nani.pdf


Preview of PDF document manuale-delle-razze-nani.pdf

Page 1 2 3 45636

Text preview


supplemento

NANI DI
G OLARION
I

nani sono stati una parte di Golarion quanto le civiltà
perdute degli azlanti e dei thassiloniani, scavando la
pietra e fondendo l’acciaio in splendide armi e armature molto prima che gli umani sapessero della loro esistenza.
Nel mondo di superficie hanno portato la loro determinazione, una conoscenza innata della pietra e del metallo ed un’eredità di resistenza di fronte ad uno stato di guerra costante.

TRATTI FISICI E MENTALI
Corti di statura e di robusta costituzione, i nani sono raramente scambiati per qualche altra razza. Ugualmente caratteristiche sono le loro profonde voci rimbombanti, ed il loro comportamento testardo, a volte tanto duro e brusco da apparire

quasi un difetto. Hanno per lo più la pelle ramata o color terracotta e gli occhi variano dal grigio al marrone nelle accezioni
più comuni, e nei casi più rari fino al blu profondo. I capelli
sono castano al rosso scuro e al biondo cenere, e con l’età avanzata diventano grigi o bianchi. Quasi tutti i nani maschi hanno una cura maniacale di baffi e barba. Entrambi i sessi preferiscono portare i capelli lunghi e spesso intrecciati, ma i nani
guerrieri, specie se già in procinto di diventare calvi, si rasano
il capo per negare agli avversari una presa facile in battaglia.
Molti suppongono che i nani siano imbarazzati dalla loro
altezza ma, in realtà, non se ne curano e si considerano benedetti dal proprio creatore, Torag, con la statura giusta per
servire nella sua fucina. I nani che esplorano i dungeon in

2
Stefano Bianconi (order #2872501)

8