protocollo antitumorale dottor nacci.pdf


Preview of PDF document protocollo-antitumorale-dottor-nacci.pdf

Page 1 2 3 45653

Text preview


L’infermiere/a professionale è necessario/a in caso di periodi particolari in cui la risposta
immunitaria o altre cause di infiammazioni, siano tali da bloccare a letto il paziente al punto tale da
non consentirgli di alzarsi dal letto, nonostante le preventive cure di fisiokinesi terapia.
La situazione diventa particolarmente critica poiché vi è il reale rischio di depauperamento delle
masse muscolari del paziente stesso, con alimentazione indotta del tumore stesso.
Le cure infermieristiche a letto del pazienti diventano critiche, poiché il paziente deve essere in
grado di non perdere massa muscolare e di condurre comunque il periodo forzato a letto nelle
migliori condizioni igieniche possibili, data la sua impossibilità ad alzarsi.
Nota: il depauperamento muscolare può anche avvenire a seguito di una risposta immunitaria al
tumore troppo forte, con grave quadro di anemia (quadro simile ma diverso dal classico quadro
cachettico indotto dalla crescita tumorale, caratterizzato da algie non controllabili in alcun modo).
Regole generali:
1) il paziente si dovrà sempre sforzare di camminare molto nel corso della giornata.
Nota: può anche essere utile l’impiego di stimolatori elettrici TENS per tenere attiva la muscolatura
delle gambe, delle cosce, dei glutei e delle braccia, in caso soprattutto di incidenti o di inabilità
temporanea a camminare, della durata superiore a 3-4 giorni, tempo limite oltre il quale può già
instaurarsi, in pazienti affetti da Cancro, un deperimento organico improvviso con graduale e
irreversibile perdita di massa muscolare generalizzata (caratteristico è il classico odore dei
cachettici da cancro).
2) il paziente deve nutrirsi di continuo con frutta, verdura, spezie e otraggi possibilmente crudi. Gli
ortaggi dovrebbero essere mangiati sempre da soli (sempre senza Miele), altrimenti possono essere
indigesti. Anche di notte, se il paziente ha fame, o se si sveglia, può mangiare verdure o frutta
(frullati o centrifugati).
Nota 3: per “vegetali” s’intendono : Frutta, Verdure, Spezie e Ortaggi. Data la difficoltà a digerirli,
soprattutto se crudi, è consigliabile optare fra i seguenti sistemi:
verdura, frutta, o ortaggi cotti (le vitamine vengono però perse in gran parte).
verdure, frutta o ortaggi cotti in zuppe e/o minestre, con abbondante aggiunta di Spezie.
verdure, frutta, o ortaggi tagliati crudi fini con abbondante aggiunta di Spezie.
verdure, frutta, o ortaggi crudi frullati con Miele o Melata di bosco (e Spezie).
verdure, frutta, o ortaggi crudi centrifugati, bevendone soltanto i succhi.
Nota: i succhi fatti in casa sono da preferirsi, poiché sono liquidi e quindi meno dispendiosi da
essere digeriti da parte della paziente.
Idealmente, nei primi mesi di cura bisognerebbe nutrirsi soltanto di succhi fatti in casa di :
frutta fresca, oppure ortaggi, oppure verdure (gli ortaggi possono essere indigesti se assunti assieme
alle verdure e, soprattutto, alla frutta).
Questi succhi possono essere inframmezzati con dei piccoli infusi (The) o decotti di erbe particolari
(erbe che comunque devono far parte anche dei succhi).

PAGE 1