PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



Documento0.pdf


Preview of PDF document documento0.pdf

Page 1 234308

Text preview


La determinazione della glicemia viene effettuata per ottenere una stima dell'efficienza di questi
meccanismi omeostatici.
Misura della glicemia.
La maggior parte dei laboratori misurano la glicemia in campioni di siero, ma poiché il siero ha una
[acqua] > del sangue intero, e dato che il glucosio è disciolto nell'acqua, la concentrazione misurata
nel siero tende ad essere più elevata di quella presente nel sangue intero.
La permanenza del sangue nelle provette non è consigliata in quanto il glucosio contenuto nel
campione può essere metabolizzato dalle cellule ivi contenute, fino a che non sono separate per
centrifugazione. La velocità con cui questo processo avviene dipende dalla temperatura. Se la
temperatura è bassa, la concentrazione del glucosio può rimanere stabile per diverse ore. A t
ambiente la concentrazione del glucosio si riduce dell'1-2% ogni ora. Per prevenire questa fonte
d'errore, si può conservare il campione in provette con fluoruro, che inibisce la glicolisi. Il glucosio si
mantiene costante anche in campioni nelle normali provette da ematochimica dopo che siero e cellule
sono stati separati per centrifugazione. Campioni preparati in questo modo sono utili anche per
misurare altri parametri ematochimici.
Metodologia di misurazione della glicemia
Le metodiche utilizzabili sono essenzialmente 2 ->
-> metodo vecchio sfrutta le proprietà riducenti del glucosio. L'indicatore presente nella
miscela, ridotto dal glucosio, cambia colore. La presenza di altre sostanze riducenti può
sfasare i risultati.
-> metodi enzimatici sono basati sull'impiego di esochinasi o di glucosio-ossidasi enzimi
che hanno come substrato solo il glucosio e non altre sostanze. La quantità di glucosio
modificata dall'enzima è poi misurata nella miscela di reazione attraverso una reazione
colorimetrica oppure attraverso un sistema di misurazione dell'O2 (se la reazione
enzimatica avviene con consumo di ossigeno). Effettuando diverse determinazioni
nell'intervallo di pochi minuti, gli analizzatori possono calcolare la velocità della reazione
che è proporzionale alla concentrazione del glucosio, tecnicamente preferibile alla semplice
determinazione della quantità del glucosio.
Oggi sono presenti degli analizzatori per uso personale che determinano i liv. glicemici analizzando
una goccia di sangue. Sono utili perché forniscono misure rapide al paziente, mediante le quali esso
può modificare la terapia o la dieta in corso, ma molti sono influenzati dal valore dell'Ht. La
glicemia è più elevata se l'Ht è basso e viceversa.
La determinazione della glicemia fornisce informazioni sullo stato glicemico nel momento in cui si
esegue l'esame, mentre per ottenere una valutazione che si riferisce a periodi di tempo più estesi si
può dosare l'Hb glicosilata, che si ha quandi i liv. glicemici si mantengono elevati per parecchio
tempo, e si ottiene mediante la elettroforesi o con metodi cromatografici su di un lisato di eritrociti.
Zuccheri diversi dal glucosio
-> fruttosio alti liv. di fruttosio sono evidenziati in pazienti con alcuneenzimopatie rare.