PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



zjl2 .pdf


Original filename: zjl2.pdf

This PDF 1.4 document has been generated by Adobe InDesign CC 2015 (Windows) / Adobe PDF Library 15.0, and has been sent on pdf-archive.com on 11/12/2016 at 16:31, from IP address 80.117.x.x. The current document download page has been viewed 406 times.
File size: 841 KB (3 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


Torino

una bella città

ZHANG JINLING
BIENNIO PITTURA

Città dalla storia bimillenaria, fu fondata probabilmente come
Taurasia nei pressi della posizione attuale attorno al III secolo
a.C. dai Taurini, popolazione ligure (o celto-ligure) dell'Italia
settentrionale, e trasformata in colonia romana da Augusto col
nome di Iulia Augusta Taurinorum nel I secolo a.C.. Dopo il dominio
ostrogoto, fu capitale di un importante ducato longobardo per poi
passare, dopo essere divenuta capitale di marca carolingia, sotto
la signoria nominale dei Savoia nell'XI secolo. Città dell'omonimo
ducato, nel 1563 ne divenne capitale. Dal 1720 fu capitale del
Regno di Sardegna (anche se solo de facto fino alla fusione perfetta
del 1847, quando lo divenne anche formalmente),[7] Stato che
porterà nel XIX secolo all'unificazione italiana e che farà di Torino la
prima capitale del Regno d'Italia (dal 1861 al 1865).

Numerosi sono gli edifici di culto presenti nella città di Torino. Si tratta, nella
stragrande maggioranza, di chiese cattoliche. Se si escludono le numerose chiese
moderne costruite ex novo dopo la seconda guerra mondiale a seguito della forte
espansione abitativa della città, conseguente il grande flusso immigratorio degli
anni cinquanta e sessanta, la maggior parte delle chiese di Torino sono state
costruite nei secoli XVII e XVIII; lo stile architettonico prevalente è il barocco ma
non mancano esempi di stile rinascimentale e neoclassico o di commistioni fra uno
di questi ed il barocco (tipo facciata neoclassica e corpo barocco).

Alla progettazione e realizzazione delle opere relative hanno contribuito architetti di
chiara fama, fra i quali:
Amedeo di Castellamonte (Cappella della Sacra Sindone, Basilica del Corpus Domini)
Carlo di Castellamonte (Cappella della Sacra Sindone, Chiesa di Santa Cristina)
Andrea Costaguta (Chiesa di San Francesco da Paola, Chiesa di Santa Teresa)
Guarino Guarini (Cappella della Sacra Sindone, Santuario della Consolata, Chiesa di San
Lorenzo,
Filippo Juvarra (Basilica di Superga, Chiesa di San Filippo Neri, Santuario della
Consolata, Chiesa di Santa Cristina, Chiesa della Madonna del Carmine)
Filippo Giovanni Battista Nicolis di Robilant (Chiesa di Santa Pelagia, Chiesa della
Misericordia)
Bernardo Vittone (Chiesa della Santissima Annunziata, Chiesa di Santa Maria di Piazza,
Chiesa di San Francesco d'Assisi, Chiesa di Santa Chiara)
Ascanio Vittozzi (Basilica del Corpus Domini, Chiesa della Santissima Trinità)


zjl2.pdf - page 1/3
zjl2.pdf - page 2/3
zjl2.pdf - page 3/3

Related documents


zjl2
brescia rivista
novara
pasqua al trasimeno
ebook italiano sermoni di satana 2001 2005
cc007


Related keywords