PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



Gabriella Rovera EGE TNT .pdf



Original filename: Gabriella Rovera EGE TNT .pdf

This PDF 1.4 document has been generated by Adobe InDesign CC 2017 (Windows) / Adobe PDF Library 15.0, and has been sent on pdf-archive.com on 06/02/2017 at 14:27, from IP address 93.38.x.x. The current document download page has been viewed 225 times.
File size: 1.8 MB (6 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


O TTO B R E

DE ANDRÉ
Dal 1° al 22 Ottobre ad
Albenga (SV), si terrà la
manifestazione dal titolo
“Ottobre De André 2017”.
Storie di mare, di donne, di
viandanti.

FA
d

2
0
1
7

Programma:
Sabato 1 Ottobre:
ore 17 Museo la civiltà dell’olivo
(Frantoio Sommariva) via Mameli 7 Albenga.
Inaugurazione mostra BOCCA DI ROSA E ALTRE STORIE
Al termine brindisi con degustazione delle specialità del frantoio.

Ingresso libero
I Timbri Scuri apriranno con i loro tamburi l’edizione 2016 di Ottobre De Andrè, l’evento clou dell’autunno organizzato dai Fieui
di caruggi di Albenga a favore della Comunità di San Benedetto al Porto di don Gallo. Partiranno alle ore 16,00 di Sabato 1 Ottobre dalla Cantina dei fieui di caruggi e, attraverso i caratteristici vicoli del centro storico, raggiungeranno il Museo la civiltà dell’olivo per l’inaugurazione (ore 17,00) della mostra “Bocca di rosa e altre storie…” che resterà aperta al pubblico per tutto il mese.

Domenica 9 Ottobre:

ore 17 Teatro Ambra Albenga centro storico
Cantami una storia : Gran Concerto per don Gallo con Orchestra Bailam, Giorgio Conte, Enrico Ruggeri e Amedeo Minghi.
Ingresso libero. Possibilità di prenotare posto riservato con offerta alla Comunità San Benedetto
al Porto di don Gallo presso Caffè letterario Ai giardinetti , Piazza del popolo Albenga.

Orchestra Bailam
Nasce nel 1989 proponendo un repertorio
proiettato verso la musica
klezmer, la musica greco-turca e quella egiziana.
Durante gli anni matura
una propria personalità
che la contraddistingue nelle composizioni

artistiche e nell’approccio con il pubblico nei
numerosissimi concerti
sempre molto dinamici
e coinvolgenti.

Giorgio Conte
Le prime esperienze musicali dei due fratelli Giorgio
e Paolo avvengono nello
stesso gruppo, con Giorgio alla batteria e Paolo al
vibrafono; poco dopo le
loro strade si separeranno,
e Giorgio Conte inizierà
a comporre le musiche di
molte canzoni per numerosi cantanti.

Enrico Ruggeri
Gli inizi della carriera musicale di Ruggeri risalgono al
1972, a 15 anni fonda il suo
primo gruppo, gli “Josafat”,
che nel 1974 si trasformano, con l’ingresso di Silvio
Capeccia, in Champagne
Molotov (nome che ricorrerà spesso nella prima parte
della carriera solista del
cantautore).

Amedeo Minghi
Ultimo di sei figli, cresce
nel quartiere Prati, ed inizia
l’attività musicale formando
con alcuni amici il complesso
beat I Noemi: per il gruppo, di
cui è voce solista, scrive la sua
prima canzone, intitolata Una
cosa stupida, che viene proposta senza risultato alla RCA
Italiana.

Sabato 15 Ottobre:
ore 17 Chiesa sconsacrata di San Lorenzo
in Piazza Gerolamo Rossi Albenga
Ma lassù mi è rimasto Dio : storie sacre e profane

Ingresso libero

Sabato 22 Ottobre:
ore 17 Teatro Ambra Albenga centro storico
Trafficanti di sogni – Tanti amici ed ospiti a sorpresa si ritrovano
,raccontano e sognano storie nel ricordo di due amici grandi : Faber e
don Gallo.

Ingresso libero
Possibilità di prenotare posto riservato con offerta alla Comunità San
Benedetto al Porto di don Gallo presso Caffè letterario Ai giardinetti
Piazza del Popolo Albenga

Caro Faber,
da tanti anni canto con te, per dare voce agli ultimi, ai vinti, ai fragili, ai perdenti.
Canto con te e con tanti ragazzi in Comunità.
Quanti <Geordie> o <Michè>, <Marinella> o <Bocca di Rosa> vivono accanto a me,
nella mia città di mare che è anche la tua. Anch’io ogni giorno, come prete, <verso il vino e spezzo il pane per chi ha sete e fame>. Tu,
Faber, mi hai insegnato a distribuirlo, non solo tra le mura del Tempio, ma per le strade, nei vicoli più oscuri, nell’esclusione.
E ho scoperto con te, camminando in via del campo, che <dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior>.
La tua morte ci ha migliorati, Faber, come sa fare l’intelligenza.
Abbiamo riscoperto tutta la tua <analogia dell’amore>, una profonda inquietudine dello spirito che coincide con l’aspirazione alla libertà. E soprattutto, il tuo ricordo, le tue canzoni, ci stimolano ad andare avanti.
Caro Faber, tu non ci sei più ma restano gli emarginati, i pregiudizi, i diversi, restano l’ignoranza, l’arroganza, il potere, l’indifferenza.
La Comunità di san Benedetto ha aperto una porta in città. Nel 1972, mentre ascoltavamo il tuo album, tutti morimmo a stento, in
Comunita bussavano tanti personaggi derelitti e abbandonati: impiccati, migranti, tossicomani, suicidi, adolescenti traviate, bimbi impazziti per l’esplosione atomica. Il tuo album ci lasciò una traccia indelebile. In quel tuo racconto crudo e dolente (che era ed è la nostra
vita quotidiana) abbiamo intravisto una tenue parola di speranza, perché, come dicevi nella canzone, alla solitudine può seguire l’amore,
come ad ogni inverno seegue la primavera.
È vero, Faber, di loro, degli esclusi, dei loro <occhi troppo belli>, la mia Comunità si sente parte. Loro sanno essere i nostri occhi belli.
Ciao Faber, grazie!
Ti abbiamo lasciato cantando Storia di un impiegato, Canzone di Maggio. Ci sembrano troppo attuali. Ti sentiamo oggi così vicino, così
stretto a noi. Grazie.
Le ragazze e i ragazzi di don Andrea Gallo,
prete da marciapiede.
Di don Andrea Gallo, Genova, 14 gennaio 1999

Don Andrea Gallo

FA
d

Comune di Albenga
Comune di ALBENGA
Provincia di Savona


Related documents


gabriella rovera ege tnt
mercatini
supercoppa 2011 marina bay
avvenire 20171212 a23
s 24625 0 1
agoputura e medicina cinese


Related keywords