PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



Cristina Medina EGE BN Anaglamour .pdf



Original filename: Cristina-Medina-EGE-BN-Anaglamour.pdf

This PDF 1.4 document has been generated by Adobe InDesign CS5 (7.0) / Adobe PDF Library 9.9, and has been sent on pdf-archive.com on 05/03/2017 at 23:36, from IP address 87.15.x.x. The current document download page has been viewed 155 times.
File size: 5.7 MB (3 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


Immagine: pixabay.com

Mi
Radica
Tennis

LA FRUTTA CANDITA
La canditura
della frutta in pasticceria è
molto utilizzata per le decorazioni
di torte, muffin o dolcetti vari. La frutta
viene lavorata, ricoperta di zucchero
e, a seconda delle esigenze, tagliata
in piccoli pezzetti

Come fare
la canditura
della frutta?

Ingredienti

Agrumi misti: 500 g
Zucchero: 100 g

Preparazione
Storia dei canditi
I canditi, vere e proprie leccornie dal sapore semplice ed
intramontabile, sono dei dolci
molto antichi che nascono come
metodo conservativo per frutta,
radici, piante o anche scarti di
questi.
La conservazione mediante
lo zucchero era già conosciuta
dalle antiche popolazioni della
Mesopotamia e della Cina, i romani utilizzavano questo metodo addirittura per la conservazione del pesce, immergendolo
totalmente nel miele, ma coloro
che interpretarono per primi
questa pratica come la creazione
di una potenziale leccornia, volta
ad arricchire i propri banchetti, furono gli arabi che scelsero
frutti e fiori da intingere in una
soluzione zuccherina, ottenendo
dolci molto apprezzati.

tro paese e l’uso della frutta candita iniziò a farsi largo a partire
dal 1500, quando divenne parte
integrante di alcuni dei dolci tradizionali italiani come la cassata
siciliana e il panettone milanese.
Essendo dolci dalla remota
origine, sono ovviamente contraddistinti dalla semplicità e
dall’economicità, essendo infatti possibile crearli anche con le
scorze avanzate degli agrumi.

dolciarie, si ricollega alla diffusione dello zucchero nel bacino
del Mediterraneo ad opera degli
Arabi.
In passato si candivano vari
fiori e frutti, ma soprattutto gli
agrumi. Fin dal Medioevo è testimoniato, anche il termine confettare (dal latino “conficere” =
confezionare, preparare) che si
riferiva non solo alla frutta candita, ma anche ai semi di anice o
di finocchio imprigionati in una
copertura di zucchero, piccole
delizie sempre presenti nei servizi di apertura o chiusura dei banchetti. La tecnica della canditura
conferisce al prodotto un alto
grado di conservabilità, facendolo utilizzare frequentemente nella preparazione e guarnizione di
molti dolci.

Nella lingua italiana il termine Candito potrebbe evocare
il “candore” dello zucchero raffinato, ma in passato la denominazione oscillava tra “candito” e
“condito”, e questa variante aveva anch’essa un’evidente giustificazione semantica. In ogni caso
l’origine della parola sembra derivi da “qandi”, termine arabo che
indica il succo di canna da zucOggi i canditi vengono ancora
Con la dominazione degli chero concentrato. Infatti anche ampiamente utilizzati per la prearabi nel mondo occidentale i il procedimento della canditura, parazione di prelibati dolci, o per
canditi giunsero anche nel nos- come accadde per altre tecniche mangiare con cioccolato fuso.

33

-Scegliete degli agrumi selezionati e non trattati di agricoltura
biologica e andate a lavarli.
-Mettete a bollire in un tegamino 2 dl di acqua con lo zucchero
e lasciate sul fornello per due minuti.
-In una ciotola sistemate le scorze di agrumi dopo averle incise
e tagliateli in fettine sottilissime, e coprite il tutto con lo sciroppo caldo. Lasciate in macerazione per almeno 6 ore.
-Terminata la macerazione, scolate le scorze e le fettine su di un
telo pulito e utilizzatele per decorazioni o farciture.

Immagini:
Frutta: www.cesarin.it
Istruzioni: www.scuoladicucinaintelligente.it
Torta: reciperhapsody.files.wordpress.com

34

8 marzo 2017

SCIOPERO GLOBALE
DELLE DONNE
‘Se le
Non regalatevi mimose,
quest’anno: scioperate. L’8

marzo ci sarà una mobilitazione delle donne che coinvolgerà 40 Paesi
del mondo e a cui parteciperanno
milioni di donne.

nostre vite
non valgono,
noi ci
fermiamo’

“Tre Passi di Donna”
dal 2 al 5 marzo

MARIE CURIE
primo nobel
rosa

Tre passi di donna – Rassegna di teatro al femminile
Le donne, protagoniste delle storie che andranno in
scena, inseguono speranze e illusioni, cercano di lottare per un’esistenza migliore, reinventandola e reinventandosi. La rassegna, ormai al quinto anno di vita, spazia dal drammatico al teatro di ricerca corporea, per
dare uno spaccato dei racconti al femminile che sia al
di sopra del linguaggio stesso e che racconti un universo poliedrico e senza tempo.
Il 2 marzo aprirà la rassegna il C.A.B.A.R.È. Calderone
Artistico Burlesco Anarchico Rigorosamente Eclettico,
appuntamento fisso di ogni primo giovedì del mese,
che per l’occasione verrà declinato tutto al femminile.

Marie Curie, scienziata versatile ed eclettica, nata a Varsavia nel 1867, fu la prima
donna a vincere il premio Nobel in due
diverse categorie: per la fisica nel 1903
e per la chimica nel 1911. Non solo. È
stata anche la prima donna a insegnare
all’Università Sorbona di Parigi e la prima donna ad essere sepolta al Pantheon
di Parigi.

Imm

agin

Sopra
Marie Curie
Teatro destra
Teatro sinistra

scosse.org
howitworksdaily.com
oggiroma.it
womensnew.net

35

i


Cristina-Medina-EGE-BN-Anaglamour.pdf - page 1/3
Cristina-Medina-EGE-BN-Anaglamour.pdf - page 2/3
Cristina-Medina-EGE-BN-Anaglamour.pdf - page 3/3

Related documents


cristina medina ege bn anaglamour
s081212
pdfjoiner
come inamidare
ns020213
us140313


Related keywords