PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



Pagine da Corriere della Sera Economia 4 Settembre 2017 .pdf


Original filename: Pagine da Corriere della Sera Economia 4 Settembre 2017 .pdf

This PDF 1.6 document has been generated by / iText® 5.5.7 ©2000-2015 iText Group NV (AGPL-version); modified using iText® 5.5.7 ©2000-2015 iText Group NV (AGPL-version), and has been sent on pdf-archive.com on 04/09/2017 at 20:41, from IP address 79.16.x.x. The current document download page has been viewed 232 times.
File size: 258 KB (2 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


CORRIERE DELLA SERA

4

LUNEDÌ 4.09.2017

Imprese & Tecnologia
IL DOSSIER

Uno studio di The European House-Ambrosetti misura l’impatto dell’automazione sulle nostre vite
Il 14,9% dei lavoratori, oltre tre milioni di persone, potrebbe trovarsi senza occupazione
in 15 anni. La sostituzione uomo-macchina più facile in agricoltura, commercio, manifatturiero
Tremano anche i colletti bianchi, i commercialisti e gli analisti. Le attività che richiedono un’elevata interazione
e competenze personali sono più al sicuro. Il cambiamento però si può governare: un alto livello
di istruzione e la formazione riducono il pericolo di vedersi sostituiti da software e algoritmi
di Dario Di Vico

È

convinzione di molti nella comunità scientifica e in
quella di business che il tema dell’impatto dell’automazione sull’occupazione sarà il grande dibattito della stagione 2017-18. Un dibattito che trova però posizioni ancora
molto distanti, del resto la fenomenologia è ancora scarsa o
comunque poco significativa in termini di risultati concreti e
ci si deve basare per tentare di avvicinarsi al traguardo di una

clusione «che il 14,9% del totale degli occupati, pari a 3,2 milioni, potrebbe perdere il posto di lavoro» nei 15 anni sopra
indicati. Il rischio di sostituzione uomo-macchina è maggiore della media nel settore dell’agricoltura e pesca (25%), nel
commercio (20%) e nel manifatturiero (19%). I settori che presentano le percentuali più basse sono istruzione e servizi per
la salute con il 6% e i servizi di informazione e comunicazione.

ROBOT TAGLIA POSTI
UNO SU SEI PUÒ PERDERLO
(STUDIATE E RISCHIATE MENO)

Bill Gates

Il fondatore di Microsoft
ha proposto di tassare
l’utilizzo dei robot. La sua
dichiarazione ha aperto
un dibattito su come
affrontare l’automazione

Angela Merkel

La «Piattaforma» per
l’Industria 4.0 tedesca
coinvolge un numero elevato
di soggetti e supporta le
imprese nell’attivazione di
programmi sul tema

Commento: è più probabile che i professionisti dell’istruzioconclusione credibile sulla costruzione modelli «freddi». Se
vogliamo però restare in ambito termico bisogna anche ricor- ne e della salute svolgano mansioni complesse, poco sostituidare come forse l’intervento più «caldo» o che comunque ha bili e con un’elevata componente di interazione personale.
scaldato gli addetti ai lavori è stato quello di Bill Gates che, Un’altra variabile che risulta determinante, sempre secondo il
dando vita a un contropiede inatteso, ha proposto di tassare team Ambrosetti, è il titolo di studio. I lavoratori in possesso
di un diploma in belle arti o di conservatorio presentano il
l’utilizzo dei robot.
In preparazione del seminario di Cernobbio gli organizzatori rischio più basso: 5%. Al contrario i soggetti senza titolo di
di The European House-Ambrosetti hanno pensato che fosse studio presentano il rischio più alto: 21%. Se prendiamo poi in
utile produrre un documento di simulazione che in qualche esame gli occupati con formazione post-universitaria il rimodo servisse a ricapitolare il dibattito in corso e desse anche schio di sostituzione si attesta solo all’1%. Non risultano variaelementi aggiuntivi. Il documento finale — frutto di un team bili significative per quantificare in maniera differenziata il
composto da manager di aziende italiane, banche e multina- «taglio da automazione» il sesso e l’area geografica di residenza. Quanto all’età gli occupati tra i 30
zionali membri di Ambrosetti Club — si
e i 59 anni — il grosso della forza lavoro
chiama «Tecnologia e lavoro: governare
italiana — registrano un rischio in linea
il cambiamento» e sostiene come l’autocon la media del 14,9%, tra gli over 65 l’inmazione «potrebbe provocare una gra● Lo scenario
dice scende di quattro punti e sale invece
duale polarizzazione della ricchezza e
Le abilità umane possono competere
nella fascia 20-25 fino al 20%. «Sono
delle competenze solo in alcune fasce
con le macchine? Con l’incedere
quindi i giovani meno preparati ad esseprivilegiate della società, portando a credell’Industria 4.0 quali saranno le
re i soggetti più a rischio di sostituzione
scere le disparità sociali ed economiche
professioni più a rischio? Gli
uomo-macchina».
già esistenti». Inoltre data la diffusione
organizzatori
del forum «The
Conclusione tutt’altro che scontata. Il
di tecnologie sempre più avanzate e caEuropean House-Ambrosetti» hanno
basso rischio degli over 65 si spiega anpaci di svolgere attività complesse «il festudiato il prossimo impatto
che con una dato puramente statistico:
nomeno potrebbe interessare in via semdell’automazione sul mondo del
gli occupati di questa fascia sono molto
pre maggiore anche i lavoratori più spelavoro in Italia. I risultati del rapporto
spesso amministratori delegati, presicializzati e remunerati, i cosiddetti colsono
stati presentati alla tre giorni di
denti o top manager le cui posizioni sono
letti bianchi». Le stime del documento
Cernobbio che si è chiusa ieri. Che
quindi più difficilmente sostituibili da
sono state elaborate a partire dai dati delcosa emerge? L’indagine mostra che
una macchina. Per andare ancor più nel
la ricerca The future of employment dei
l’avanzata delle tecnologie
dettaglio il documento indica un minor
professori Frey e Osborne, nella quale gli
provocherà una polarizzazione della
impatto dell’automazione per psicologi e
autori stimano gli effetti dell’automazioricchezza e delle competenze solo in
chirurghi per la forte componente relane su mansioni riconducibili a 702 proalcune fasce della società. Le alte
zionale e creativa del loro lavoro. Tra i
fessioni.
competenze e i titoli di studio
professionisti a rischio invece sono seQuesti valori sono stati poi associati alle
adeguati
sono un’ancora di salvezza.
gnalati i tecnici matematici, i commerprofessioni fornite da Istat (129) e succescialisti e gli analisti di credito che subisivamente rielaborati mediante l’utilizzo
di un algoritmo proprietario per individuare la percentuale di ranno la concorrenza dei software e degli algoritmi capaci di
rischio per ogni occupazione. L’orizzonte temporale utilizza- effettuare calcoli complessi con una maggiore accuratezza e
to per l’analisi è stato scelto grazie a una ricognizione storica minor tempo rispetto all’uomo.
Per avere qualche termine di paragone con l'indagine Amdel punto di picco delle precedenti tre rivoluzioni industriali
e «quello che abbiamo riscontrato è l’accorciarsi del tempo brosetti vale la pena ricordare come uno studio Ocse sul rinecessario al raggiungimento di quel punto di picco, passato schio dell'automazione for jobs ha indicato nel 10% i posti di
dai 30 anni della prima rivoluzione ai 20 della terza, portan- lavoro italiani a rischio. Il dato è diverso - ben 5 punti in meno
doci a ipotizzare che per quest’ultima in punto critico si rag- - perché sono state considerate come variabile di cui tenere
conto le scelte «soggettive» delle imprese e la possibilità che
giungerà in 15 anni».
Riferire della metodologia usata in questo genere di indagini gli individui hanno di riqualificarsi e imparare a interfacciarsi
è importante perché serve a rafforzare la credibilità dei risul- con le nuove tecnologie.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
tati ottenuti. Ebbene il documento Ambrosetti arriva alla con-

Carlo Calenda

Il Piano Calenda per
l’Industria 4.0, avviato dal
ministro lo scorso settembre
promuove l’integrazione
delle innovazioni digitali
nelle aziende

Giuliano Poletti

Il ministro del Lavoro
ha annunciato
la decontribuzione per
assumere giovani, ma anche
norme anti licenziamento
per salvaguardare chi lavora

LUNEDÌ 4.09.2017

CORRIERE DELLA SERA

5

AUTOMI E OCCUPAZIONE
Occupati
non a rischio
85,1%
Occupati
a rischio
14,9%

21,5
milioni

Quali sono i comparti in cui il rischio di sostituzione uomo-macchina è maggiore?
Chi ha un curriculum più creativo ha meno probabilità di perdere il posto?
I dati raccontano che quasi il 15% degli occupati potrebbe essere rimpiazzato
da un robot nel nostro orizzonte temporale di riferimento.
E, per una volta, non ci sono differenze tra uomo e donna

SETTORI AD ALTO IMPATTO
Occupati (milioni)
Lavoratori a rischio di automazione (in milioni)
0 mlm

Istruzione e servizi per la salute

% Lavoratori a rischio di automazione
1 mlm

6%

Servizi di informazione e comunicazione

2 mlm

3 mlm

4 mlm

9%

Altri servizi collettivi e personali

10%

Attività immobiliari e servizi alle imprese

12%

Alberghi e ristoranti
Costruzioni

15%
15%

PA e difesa

16%

Attività finanziarie e assicurative

17%

Trasporto e magazzinaggio

17%

Industria manifatturiera

SPECIALIZZATI E CREATIVI: PIÙ SICUREZZA
Occupati (milioni)

19%

Commercio

Lavoratori a rischio di automazione (in milioni)

20%

Agricoltura e pesca

0 mlm

25%
0%

5%

10%

15%

20%

25%

% Lavoratori a rischio di automazione
2 mlm

Diploma Belle Arti e Conservatorio

4 mlm

6 mlm

5%
6%

Diploma universitario di 2 anni
Laurea di 4 anni

6%

Laurea Specialistica

9%

Laurea triennale

11%

Diploma di maturità

16%
17%

Diploma quali ca professionale 2-3 anni

IL MEZZOGIORNO, ANELLO DEBOLE

Licenza media

Occupati (milioni)

18%

Licenza Elementare

Lavoratori a rischio di automazione (in milioni)

% Lavoratori a rischio di automazione

19%

Nessun titolo

21%

16%

7mln

0%

6mln

5%

10%

15%

20%

25%

15,5%

5mln
4mln

15%

3mln
2mln

8 mlm

14,6%

14,8%

14,6%

1mln
0mln

14%

UOMO O DONNA, POCHE DIFFERENZE
Occupati (milioni)

Centro

Nord ovest

Nord est

Sud e Isole

Lavoratori a rischio di automazione (in milioni)
% Lavoratori a rischio di automazione
14mln

12,5

12mln
10mln

14,8%

9,1

15,1%

8mln
6mln
4mln
2mln

1,8

1,4

0mln

UOMINI
FONTE: elaborazione Corriere della Sera su dati European House-Ambrosetti

DONNE
Corriere della Sera - Infografica Sabina Castagnaviz


Pagine da Corriere della Sera Economia 4 Settembre 2017 .pdf - page 1/2
Pagine da Corriere della Sera Economia 4 Settembre 2017 .pdf - page 2/2

Related documents


PDF Document pagine da corriere della sera economia 4 settembre 2017
PDF Document documento votato il 12 10 2012
PDF Document ns070213
PDF Document la valutazione del rumore negli ambienti di lavoro
PDF Document il rumore negli ambienti di lavoro dalla teoria alla pratica
PDF Document 13 retro


Related keywords