PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



2017 Libro bianco AIOM VIIIed .pdf


Original filename: 2017_Libro_bianco_AIOM_VIIIed.pdf

This PDF 1.6 document has been generated by Adobe InDesign CC 2017 (Macintosh) / Adobe PDF Library 15.0, and has been sent on pdf-archive.com on 23/02/2018 at 10:01, from IP address 93.109.x.x. The current document download page has been viewed 299 times.
File size: 3.9 MB (372 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


LA CARTA
DEI SERVIZI
dell’oncologia
italiana 2017
Libro Bianco VIII Edizione

LA CARTA
DEI SERVIZI
dell’Oncologia
Italiana
Libro Bianco VIII Edizione

Indice
3

Prefazione
Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute

5

Introduzione
Carmine Pinto, Presidente AIOM
Fabrizio Nicolis, Presidente Fondazione AIOM

7

La Carta dei Servizi dell’Oncologia Medica in Italia

8
14
16
27
39
57
68
92
101
158
170
171
196
204
212
233
254
255
261
262

Abruzzo
Basilicata
Calabria
Campania
Emilia-Romagna
Friuli-Venezia Giulia
Lazio
Liguria
Lombardia
Marche
Molise
Piemonte
Puglia
Sardegna
Sicilia
Toscana
Trentino-Alto Adige
Umbria
Valle d’Aosta
Veneto

289

LE TABELLE

289
293
303
311
325
337
349

Capitolo
Capitolo
Capitolo
Capitolo
Capitolo
Capitolo
Capitolo

370
371

Consiglio Direttivo Nazionale AIOM 2013-2015
Consiglio di Amministrazione Fondazione AIOM

1
2
3
4
5
6
7

Dati generali
Organici delle Unità Operative
Personale Universitario
Unità Operative
Altre funzioni e servizi
Breat Unit
PDTA e Indicatori

Prefazione

“The best way to predict the future is to invent it”.
Alan Kay

 
I progressi compiuti nell’ultimo decennio in termini di innovazione delle tecnologie e di evoluzione dei processi assistenziali hanno avuto positive ed indubbie ricadute sulla qualità degli
interventi di prevenzione, diagnosi e trattamento della malattia oncologica, ma allo stesso
tempo hanno evidenziato l’esigenza di una razionalizzazione del sistema delle cure. 

Le nuove scelte di politica sanitaria hanno condotto alla definizione di modelli organizzativi
innovativi con l’obiettivo di garantire l’erogazione delle cure in condizioni di appropriatezza,
efficacia, efficienza, qualità e sicurezza in un contesto di risorse limitate, ponendo come
condizione fondamentale la funzionalizzazione in rete dei servizi ospedalieri. La necessità
di un’organizzazione in rete scaturisce dalla crescente complessità dei bisogni sanitari del
paziente oncologico, paziente fragile per eccellenza. 
Il Libro Bianco dell’AIOM 2017 fornisce un interessante censimento del sistema assistenziale oncologico in Italia. Descrive una rete di assistenza composta di strutture e di professionisti che quotidianamente lotta contro una malattia che determina una situazione complessa di sofferenza, bisogni, attese dove l’intervento professionale e il supporto psicologico
sono fondamentali. Proprio per questo ai professionisti impegnati nell’assistenza al malato
oncologico è necessaria una formazione sistematizzata che tenga conto, coniugandoli efficacemente, dei tre aspetti fondamentali:  “sapere, saper fare e saper essere”. Il saper
essere riveste un ruolo di essenziale importanza nell’approccio col paziente, in quanto il
cancro, male oggi sempre più curabile, pur tuttavia ancora temibile, entra nella vita di una
persona con brutalità sradicante e violenza destabilizzante, infondendo paura, sconquasso,
senso di precarietà e profonda solitudine.
La sempre maggior conoscenza dei meccanismi molecolari alla base dello sviluppo, della
crescita e della diffusione del cancro ha permesso di sviluppare le cosiddette terapie mirate
con “farmaci intelligenti” che agiscono in maniera selettiva su alcuni di questi processi cellulari. Ci sono, inoltre, ulteriori aspettative di miglioramento, grazie alla sempre più profonda
conoscenza dei meccanismi che distinguono la crescita e lo sviluppo delle cellule tumorali
da quelle sane. I farmaci biologici di ultima generazione, la terapia genica, le nanotecnologie si assommeranno alle terapie tradizionali consentendo di colpire in maniera sempre
più mirata le cellule tumorali, in questa battaglia senza esclusione di colpi. Terapie quindi
mirate che offrono ai medici la possibilità di confezionare un trattamento “su misura” per il
paziente, ma è essenziale che il loro utilizzo nella pratica clinica sia sottoposto ad un severo
monitoraggio, anche alla luce del rapporto tra i costi molto elevati e i benefici.


3•

Quale oggi la sfida che siamo chiamati a vincere? Sicuramente gli algoritmi informatici e
tecnologici ci permetteranno di offrire un’assistenza sanitaria di qualità a un costo inferiore,
omogeneizzando i sistemi sanitari dei centri ad alto volume con quelli delle istituzioni periferiche, producendo così offerte di “linee di servizio” diverse, ma complete. Il Ministero della
Salute prosegue sulla strada del potenziamento del SSN con un innovativo piano di moderno monitoraggio, basato sui flussi informativi, che punta a ottimizzare gli investimenti già
disponibili e soprattutto a migliorare l’assistenza grazie a una rete ospedaliera più razionale
ed efficiente. Ritengo sia maturo il momento per ripensare al sistema di governance in sanità per adeguarlo ad un mondo che è cambiato e che continua a cambiare ad una velocità
impensabile fino a pochi anni fa. In questo contesto desidero ricordare l’istituzione del Fondo per i farmaci innovativi oncologici che consente ai pazienti di ricevere a titolo gratuito le
terapie più avanzate (e costose) ad oggi disponibili.
La sfida dell’oncologia moderna dovrà essere quella di saper coniugare umanizzazione,
innovazione e sostenibilità e fondare i suoi buoni risultati sull’alchimia sinergica tra l’attenzione per i pazienti, la formazione dei medici, la libertà della ricerca e il rigore metodologico.
L’Oncologia del futuro sarà impegnativa, avvincente e gratificante e sempre più pazienti
sopravviveranno tornando alle loro attività, ai loro stili di vita, alla ricerca di sempre più
elevati standard funzionali.
In un’epoca caratterizzata dallo strapotere mediatico di internet, dove l’informazione viaggia rapida, ma spesso giunge non filtrata e corretta, i dati ottenuti sono spesso incerti e
contraddittori e, in campi dove l’emotività ed il pathos sono forti, come in quello oncologico,
il paziente spesso è portato a credere a tutto e a tutti. Ed ecco allora l’utilità di una informazione puntuale e precisa che questa Carta dei servizi dell’oncologia italiana esalta.
Come Ministro, come cittadina, come donna, invito i medici oncologi e l’AIOM a dar sempre
più voce ai pazienti, ai loro bisogni, alle loro attese, condividendo, fin dall’inizio, percorsi
complessi, tesi a migliorare la qualità della loro vita. Diviene essenziale operare assieme
per rafforzare quel fondamentale patto di fiducia medico-paziente, più che mai indispensabile in questo tipo di patologia e attuare concretamente un passo nella direzione raccomandata dalla legislazione europea, nell’area delle politiche sanitarie, riassumibile in “Nothing
about us, without us”, propria dell’European Cancer Patient Coalition.
Sono profondamente consapevole dei vostri sforzi e delle vostre azioni personali e professionali, riconoscendo la forza, la compassione, il coraggio e l’umanità con cui contribuite a
rendere accettabile il difficile “viaggio” dei vostri pazienti. 
Beatrice Lorenzin
Ministro della Salute 


4•

Introduzione

La VIII Edizione del Libro Bianco dell’Oncologia Italiana del 2017 rappresenta un ulteriore
contributo di AIOM alla crescita della “Casa Comune dell’Oncologia”. Questo volume si
affianca alle 35 linee guida annualmente aggiornate, alle linee guida sul follow up, al documento di consensus sulla continuità di cura in oncologia, alle sei raccomandazioni cliniche
e metodologiche e ai controlli di qualità nazionali per i test bio-molecolari ed ai “Numeri del
Cancro”, che riportano ogni anno il quadro epidemiologico dei tumori in Italia. Un continuo e
completo contributo per il miglioramento delle strategie di trattamento e per l’accesso alle
cure in tutte le regioni del nostro Paese.
Nel momento attuale di sempre maggiore complessità, e talora di criticità, del Sistema
Sanitario Nazionale che prevede importanti scelte strategiche politiche e organizzative, i
dati riportati dal Libro Bianco 2017 possono rappresentare un utile strumento informativo
anche nella prospettiva di un’ampia realizzazione delle reti oncologiche regionali, e nell’ambito di queste per la definizione dei percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali.
Il Libro Bianco dell’AIOM 2017 rispecchia lo stato dell’Oncologia in Italia. Questo obiettivo è
stato raggiunto per due aspetti fondamentali. Si è cercato insieme di fornire un censimento
del sistema assistenziale oncologico e di definire per AIOM una linea di costante e di intensa
collaborazione con le istituzioni nazionali e regionali. AIOM ancora una volta quindi si impegna
per fornire servizi ai pazienti ed alle istituzioni. Alle informazioni sulle strutture di oncologia
medica su base provinciale, si accompagna un puntuale censimento dei centri di radioterapia,
di anatomia patologica e dei laboratori di biologia molecolare, della disponibilità di psico-oncologi e di strutture di centralizzazione per la preparazione dei farmaci oncologici. Viene fatto
un focus anche sulla copertura dei registri tumori, sull’assistenza domiciliare e la presenza di
Hospice, e sulle associazioni di volontariato che quotidianamente supportano il nostro lavoro
nella vicinanza con i pazienti. Un ulteriore osservatorio è quello che è stato aperto sullo stato
delle reti oncologiche regionali, che vanno implementate sull’intero territorio nazionale. Vengono riportati inoltre i dati sulle strutture e personale per la ricerca clinica, e sulla formazione
universitaria con informazioni in merito alle Scuole di Specializzazione in Oncologia.
Questa VIII edizione del Libro Bianco 2017 si è rivolta sia allo sviluppo dei dati raccolti e
alla qualità di tali informazioni che alla loro fruizione da parte di cittadini, operatori sanitari e
istituzioni. Inoltre il collegamento con il sito dell’AIOM e la disponibilità di dati e di aggiornamenti on-line permetterà un’area di comunicazione e inter-relazione continua.
Il Libro Bianco, dunque, ancora una volta come progetto di AIOM, che si apre con forza
al cambiamento e all’innovazione, promuovendo sempre di più l’interazione tra oncologi,
rafforzando lo spirito “associativo”, facilitando la comunicazione con gli altri specialisti e


5•

con i cittadini, ed incrementando la collaborazione con le altre società scientifiche e le istituzioni. Un lavoro che si dispone a monitorare ogni aspetto della professione non può infatti
che costituire il più utile complemento dell’attività clinica, di quella gestionale e anche di
pianificazione e progettazione. In questo ultimo aspetto va infatti cercata un’altra chiave di
lettura di questo volume, e cioè la capacità di fornire alle istituzioni e ai loro rappresentanti
uno strumento unico per intervenire con precisione e spirito di responsabilità per un sempre
maggiore sviluppo di una delle migliori oncologie del mondo occidentale.
Questo è il progetto di AIOM, la “Casa comune dell’Oncologia”, per realizzare una sanità
che significhi innovazione e insieme uguali diritti e uguale accesso alla migliore cura per
tutti i pazienti.

Carmine Pinto
Presidente AIOM

Fabrizio Nicolis

Presidente Fondazione AIOM



6•

La Carta dei Servizi
dell’Oncologia Medica
in Italia

Attività/Servizio di Psiconcologia
Direttore: Anna Di Profio
Tel.: 0871358006
Email: annadiprofio@gmail.com
UFA
Direttore della farmacia: Concetta Matera
Tel.: 0871358206
Email: farmacia.chieti@asl2abruzzo.it
Responsabile: Concetta Matera
Tel.: 0871358206
Email: farmacia.chieti@asl2abruzzo.it
Centro Antifumo
Referente: Stefano Marinari
Tel.: 0871358648
Email: pneumologia.chieti@asl2abruzzo.it
Breast Unit
Struttura Deliberata
Unità strutturale
Nuovi casi all’anno: oltre 300
Coordinatore: Chirurgo senologo

ABRUZZO
Chieti - ASL 02 Chieti
DATI DELLA STRUTTURA
Indirizzo: Via Dei Vestini - 66100 Chieti - CH
Presidio: Policlinico Ss. Annunziata
Responsabile: Prof.ssa Clara Natoli
Sito web: www.asl2abruzzo.it
POSTI LETTO
Day Hospital: 4
Ambulatoriali: 24
CONTATTI
Direttore: 0871358004 natoli@unich.it
Segreteria: 0871358006
Coordinatore infermieristico DH: 0871358001
Coordinatore infermieristico reparto: 0871358038
consalvo.turchi@asl2abruzzo.it
Medici: 0871358006
Prenotazione visite CUP: 0871358099
Prenotazione visite segreteria: 0871358006

PDTA E INDICATORI
Presenza di gruppi multidisciplinari
Indicatori di processo verificati regolarmente
Percorsi di counseling
Genetista
Ambulatori dedicati per i pazienti
Percorsi per i familiari
PDTA per le patologie: Mammella Polmone Colon

PERSONALE DELL’UNITA’ OPERATIVA
Responsabili struttura semplice: 1
Dirigenti medici dipendenti: 11
Medici specializzandi: 9
Coordinatori infermieristici: 1
Totale infermieri: 9
Psicologa: 1
Datamanager: 1

ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO
Numero associazioni: 2
Voi&NoiInsieme Onlus
Referente: Clara Natoli
Tel.: 0871358004
Email: natoli@unich.it
Gaia Onlus
Referente: Patrizia Bonora
Tel.: 3389263225
Email: info@gaia-onlus.org

PERSONALE UNIVERSITARIO
Direttore scuola di specializzazione: Clara Natoli
Tel.: 0871358004
Email: natoli@unich.it
Professori ordinari: 1
Professori associati: 1
Ricercatori: 2
Dottorandi di ricerca: 2
Specialisti in formazione per l’anno 2017: 1

HOSPICE
Torrevecchia Teatina
Referente: Pierpaolo Carinci
Tel.: 3409409192
Email: pierpaolo.carinci@asl2abruzzo.it

UNITA’ OPERATIVE
Radioterapia
Direttore: Domenico Genovesi
Tel.: 0871357802
Email: d.genovesi@unich.it
Anatomia patologica
Direttore: Antonio Marchetti
Tel.: 0871357807
Email: amarchetti@unich.it
Laboratorio di biologia molecolare diagnostica
Direttore: Fiamma Buttitta
Tel.: 0871357808
Email: fbuttitta@unich.it

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA
Non disponibile
ALTRE FUNZIONI E SERVIZI
Ufficio studi clinici controllati
Referente: Michele De Tursi
Tel.: 0871358243
Email: detursi@unich.it
Coordinatori di ricerca clinica
Numero dei coordinatori: 1



8•


Related documents


2017 libro bianco aiom viiied
20170523rmprogramma 1
programma
sinsnopieghevole
cristina mantovani
cc006


Related keywords