PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



Tecnica del mosaico .pdf


Original filename: Tecnica del mosaico.pdf
Author: Federica Roserba

This PDF 1.7 document has been generated by Microsoft Word / , and has been sent on pdf-archive.com on 08/04/2018 at 15:54, from IP address 2.43.x.x. The current document download page has been viewed 116 times.
File size: 459 KB (1 page).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


LA TECNICA DEL MOSAICO

Consiste nell’applicare sull’intonaco di pareti o pavimenti delle tessere di pietre naturali, terracotta o
paste vitree per formare motivi decorativi, figure singole o scene complesse.

La superficie su cui andava realizzato il mosaico
pavimentale veniva preparata attraverso alcuni
procedimenti ben distinti: per prima cosa si dava una
leggera pendenza al suolo per permettere lo scolo delle
acque e si ricopriva con un conglomerato di sassi grandi
come un pugno, ottenendo così il primo strato (vedi 1
nell’illustrazione). A sua volta questo veniva ricoperto con
materiali più fini, utilizzando tre parti di ghiaia e una di
calce (2); il terzo strato, detto nucleus, era costituito da tre
parti di cocciopesto e una di calce e aveva uno spessore di
circa 12 cm (3).
Alla fine il pavimento veniva livellato e ricoperto con sabbia,
calce e polvere di marmo per rendere la superficie più
compatta. A questo punto si stendeva il cemento (4) e i mosaicisti vi disponevano sopra le tessere (5), seguendo il
disegno preparatorio approvato dal committente.

A partire dal IV sec d.C. viene utilizzato anche per a decorazione di cupole e volte in particolar modo
nell’arte paleocristiana e bizantina.
Tessere in pasta vitrea – Vetro (ossido di silicio) viene opacizzato con un composto di Piombo e Stagno e
colorato con Sali minerali
Tessere dorate – Viene aggiunta la foglia d’oro tra due strati di vetro. Quello sottostante o rosso o verde, lo
strato di sopra viene lasciato trasparente
A seconda dell’effetto di rifrazione della luce che si voleva ottenere, le tessere venivano applicate con una
leggera inclinazione, potevano seguire i contorni, o i panneggi, o le capigliature ottenendo un effetto mosso
da bagliori luminosi

In particolare a Ravenna si nota la presenza di tessere di diverse dimensioni, materiali e forme:





marmi bianchi per gli incarnati
lamina d’oro per gli sfondi
lamina d’argento per i nimbi
madreperla per le gemme


Document preview Tecnica del mosaico.pdf - page 1/1

Related documents


PDF Document tecnica del mosaico
PDF Document alessandro todesco tgs bn
PDF Document massimilianovastolatgstn
PDF Document ddd marvels
PDF Document reami di umlarion
PDF Document 7caramia salomone rizzo


Related keywords