Search


PDF Archive search engine
Last database update: 14 May at 16:54 - Around 76000 files indexed.


Show results per page

Results for «lavoratore»:


Total: 14 results - 0.038 seconds

Guida alle prestazioni accessorie volontarie 100%

Guida alle Prestazioni Accessorie 2 Solidarietà Veneto Fondo Pensione L’INPS LA PENSIONE INDIRETTA IN CASO DI DECESSO DI UN FAMILIARE, IL PRIMO AIUTO ARRIVA DALL’INPS, CHE RICONOSCE AI SUPERSTITI (I FAMILIARI DEL LAVORATORE SCOMPARSO), LA COSIDDETTA “PENSIONE INDIRETTA”.

https://www.pdf-archive.com/2019/04/03/guidaalleprestazioniaccessorievolontarie/

03/04/2019 www.pdf-archive.com

Agev tariffarie Sentenze 99%

Le organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti collettivi non hanno il potere di disporre di un diritto del singolo lavoratore da lui già acquisito – come quello di rimanere in servizio e non essere collocato a riposo prima del compimento dei 65 anni di età (in difetto naturalmente di altre, diverse e legittime, cause risolutive) – senza un preventivo specifico mandato del titolare a disporre e in difetto, comunque, di una successiva ratifica anche mediante fatti concludenti o con la concreta esecuzione della clausola collettiva, da parte del singolo lavoratore interessato.

https://www.pdf-archive.com/2011/08/11/agev-tariffarie-sentenze/

11/08/2011 www.pdf-archive.com

Agev tariffarie Nota USB 96%

Con l’atto di diffida il lavoratore dichiara di non avere interesse a vedersi applicato l’Accordo “Misure di sostegno al sistema di previdenza complementare in Azienda” – sottoscritto in data 17 maggio 2011 da Enel, Filctem, Flaei, Uilcem - e di non voler aderire a qualsiasi intesa o accordo che dovesse comportare, anche indirettamente, la perdita delle agevolazioni tariffarie a cui ha attualmente titolo, informando l’azienda che qualora venga dato corso ad atti volti a forzare questa sua volontà si troverà costretto ad adire alle vie legali per difendere i propri interessi.

https://www.pdf-archive.com/2011/08/11/agev-tariffarie-nota-usb/

11/08/2011 www.pdf-archive.com

N.O.O. - 01; forza-lavoro 89%

Solo avanzando da questi presupposti è possibile comprendere l’ugual miseria esistenziale dell’animale (letteralmente) catturato nella sfera antropica e del lavoratore salariato:

https://www.pdf-archive.com/2017/03/03/n-o-o-01-forza-lavoro/

03/03/2017 www.pdf-archive.com

Quadro sinottico gallo.rtf 79%

bambine e bambini residenti nel territorio di competenza del plesso della scuola comunale dell’infanzia bambine e bambini residenti fuori dal territorio di competenza del plesso della scuola comunale dell’infanzia, ma nel territorio comunale bambine e bambini non residenti nel Comune di Alessandria cui almeno un genitore presti attività lavorativa in città bambine e bambini non residenti nel Comune di Alessandria presenza di fratelli o sorelle già frequentanti una scuola comunale dell’infanzia e per i quali è stata presentata domanda di riconferma entrambi i genitori lavoratori (precari, dipendenti, parasubordinati, autonomi), o studenti in regola con gli esami, o disoccupati che percepiscono l’indennità ordinaria di disoccupazione un solo genitore lavoratore (precario, dipendente, parasubordinato, autonomo), o studente in regola con gli esami, o disoccupato che percepisce l’indennità ordinaria di disoccu- PUNTI Di diritto Di diritto Di diritto Di diritto 12 6 1 0 10 34 17 CRITERI DI ACCESSO bambine e bambini residenti nel Comune di Alessandria con disabilità debitamente certificata dai Servizi competenti dell’A.S.L.-AL (Legge n.

https://www.pdf-archive.com/2016/10/03/quadro-sinottico-gallo-rtf/

03/10/2016 www.pdf-archive.com

La Rivoluzione Industriale 75%

la divisione del lavoro    Prima dell’avvento delle fabbriche il lavoro si svolgeva principalmente nelle  botteghe di famiglia, ma con le fabbriche il lavoratore generico era costretto ad  abbandonare il suo lavoro “di famiglia” per diventare un lavoratore salariato ossia  pagato per la prestazione che dava.   Inoltre l’operaio effettua soltanto una operazione parziale del lavoro in quanto gli  veniva assegnato un piccolo lavoro ma ripetuto per tutto l’orario lavorativo, che  variava dalle 12 alle 16 ore.   Poi con la semplificazione del lavoro anche le donne e bambini potevano lavorare  dentro le fabbriche;

https://www.pdf-archive.com/2019/04/29/la-rivoluzione-industriale/

29/04/2019 www.pdf-archive.com

casa 68%

DA LAVORATORE REG OLARE POTRAI COM PRARLA!

https://www.pdf-archive.com/2011/04/07/casa/

07/04/2011 www.pdf-archive.com

Curriculum Claudio Saugo 62%

Sono comunque aperto a nuove esperienze in tutti i settori per accrescere le mie capacità e competenze lavorative, aspiro ad un lavoro che mi appaghi mentalmente ed economicamente per poter realizzare alcuni sogni nel cassetto e crescere come persona e come lavoratore.

https://www.pdf-archive.com/2017/05/21/curriculum-claudio-saugo/

21/05/2017 www.pdf-archive.com

Lettera al Sindacodi Villasor 55%

                                                          Una  Giunta,  il  cui  proposito  dovrebbe  essere  quello  che  –  al  pari  della  nostra  “Costituzione”  –  non  solo  dovrebbe  concorrere,  ma  dovrebbe  esprimersi  al  massimo  per  attuare  il  “buon  governo”,  e  dovrebbe  mostrare che opera per la piena applicazione di esso  L’opinione  pubblica  di  Villasor  vede  nella  volontà  del  Sig.  Sollai  di  dare  le  dimissioni  dal  proprio  posto  di  lavoro come l’ultimo gesto a tutela della sua salute e dignità, poiché ha compreso che prendersi cura di se  stesso  è  non  solo  legittimo,  ma  è  un  primario  dovere.  Inoltre  risulta    ancor  più  amareggiata  per  aver  costatato l’insensibilità della gestione  del suo caso  da parte  della Giunta  che non ha saputo intravvedere  una soluzione alternativa, piuttosto ha voluto far propria la decisione quasi a “blindarla” con proprio atto  deliberativo  n°  122  del  22.10.2013,  che  porta  anche  la  sua  firma,  ancorchè  a  mio  avviso  viziata  da  incompetenza, atteso tale compito in capo al Responsabile del Servizio del personale e organizzazione (art.  4 del vigente Regolamento Comunale sull’Ordinamento degli Uffici).   Signor Sindaco, dove si colloca l’umanità e com’è stata argomentata l’azione esposta poco sopra?  La decisione del Sig. Sollai, per chi lo conosce bene come il sottoscritto, è stata a lungo ponderata, ha fatto  prevalere la tutela del proprio stato di salute, si pone come un atto coraggioso di resistenza, ma anche di  denuncia  davanti  ad  una  presa  d’atto  ‐  francamente  impopolare  per  l’Amministrazione  ‐  in  un  momento  così complesso di congiuntura economica che il nostro paese e l’intera Regione Sardegna sta attraversando.  Perciò  se  ora  analizziamo  la  vicenda  esclusivamente  dalla  parte  dell’Amministrazione,  appare  quindi  incomprensibile  capire  quale  tipo  di  beneficio  ha  avuto  l’Ente  da  Lei  amministrato  nel  perseguire  questo  tipo  di  “politica”.  Poniamoci  ora  alcuni  interrogativi  cui  come  cittadini  abbiamo  il  diritto/dovere  di  conoscere nell’aspetto decisionale in costi e benefici.  1) È  mai  possibile  che  il  Comune  di  Villasor  preferisca  rinunciare  alle  risorse  professionali  di  un  proprio  dipendente incurante dell’efficienza organizzativa che le direttive e le circolari ministeriali prevedono?     2) Quali  vantaggi  per  un  Comune  in  grosse  difficoltà  occupazionali  favorire  la  creazione  di  un  posto  di  lavoro  vacante,  col  rischio  poi  di  non  poter  essere  ricoperto  per  i  vincoli  alle  assunzioni  di  nuovo  personale?     3) Perché  non  è  stata  presa  in  considerazione  la  possibilità  di  trasferimento  ad  altro  settore  tra  quelli  notoriamente  carenti  d’organico,  e  giusto  per  citarne  alcuni:  la  Biblioteca  Comunale  a  seguito  del  recente  pensionamento  della  bibliotecaria,  oppure  uno  scambio  con  l’agente  di  Polizia  Municipale  al  quale è stata riconosciuta recentemente la malattia professionale e l’equo indennizzo, ma che ancora  ricopre  il  posto  che  gli  ha  causato  l’invalidità,  oppure  il  Servizio  Demografico  da  sempre  soggetto  ad  alternanza con vario personale ?     Mi  permetta,  ma  ritengo  doveroso  ripeterle,  che  gli  amministratori  comunali  e  i  dirigenti/responsabili  d'area che leggono la presente per conoscenza, oggi, sono chiamati ad attivarsi, oltre che per raggiungere  obiettivi di efficacia e di produttività, anche a realizzare e a mantenere il benessere (organizzativo, fisico,  psicologico, ecc.) dei propri dipendenti e/o colleghi.   Si  tratta  di  un  aspetto  rilevante  per  lo  sviluppo  e  l’efficienza  dell’amministrazione  e  delle  “motivazioni  al  lavoro”  che  a  mio  avviso,  invece,  è  stato  ampiamente  trascurato  attraverso  una  “tradizionale  e  obsoleta  gestione del personale”.   L’amministrazione pubblica, qual è il Comune di Villasor, deve quindi aspirare, proprio perché è il modello  per eccellenza, a essere un datore di lavoro esemplare, attraverso quella rinnovata attenzione agli aspetti  anche non monetari del rapporto di lavoro.   Inoltre, non risulta ancora a tutt’oggi che l’Amministrazione Comunale da Lei rappresentata e guidata abbia  istituito il Comitato Unico di Garanzia (CUG) e nemmeno abbia approvato il Regolamento Comunale per il  suo  funzionamento,  i  quali  ‐  nell’esercizio  delle  funzioni  previste  dalla  normativa  vigente  e  in  piena  autonomia  gestionale  ‐  sono  di  “notevole  rilevanza  strategica”  nel  favorire,  tra  le  altre  cose,  l’efficacia  e  l’efficienza  organizzativa  dell’Amministrazione,  per  cui  favorendo  il  benessere  delle  risorse  umane  ne   contrasti le discriminazioni.   Signor  Sindaco,  pur  conoscendo  i  tratti  della  sua  personalità,  connotati  da  un’ideologia  che  la  vede  particolarmente  attenta  al  “valore”  della  persona  umana  e  alla  connotazione  sociale  di  “lavoratore”,  mi  consenta di richiamare alla sua attenzione la specificità rappresentata dal ruolo tecnico dell’impiegato Sig.  Sergio Sollai, tanto più che ai tempi attuali, la leadership – da lei rappresentata per ruolo istituzionale – nei  sistemi  organizzativi  è  chiamata  non  solo  a  valorizzare  ma  anche  a  tutelare  la  loro  valenza.  Proprio  la  leadership – attraverso le scelte che compie ‐ svela un suo “carattere morale”.   Faccia  in  modo,  Signor  Sindaco,  che  questo  termine  tanto  in  uso  nel  linguaggio  moderno  dei  politici  non  resti nell’abbellimento gergale dei discorsi, ma trovi concretamente la sua applicazione.     Auspico  che  alle  considerazioni,  alle  domande  e  ai  suggerimenti  sopraesposti  siano  date  le  doverose  risposte, non solo per il rispetto della normativa che ne disciplina l’obbligatorietà, ma anche per il dovere  morale che lega il Primo Cittadino istituzionale nei confronti dei propri concittadini, che è quello di fornire  spiegazioni,  affinché  la  trasparenza  non  sia  un  principio  da  esibire  nelle  dichiarazioni  d’intenti,  ma  anche  una pratica dell’agire.   Mi  auguro  che  la  presente  non  contribuisca  a  infoltire  il  numero  delle  risposte  mancate  a  precedenti  richieste di diverso argomento.  Distinti saluti,    Marcello Podda  Via Cesare Pavese, 7  09030 – Villasor (Ca)     

https://www.pdf-archive.com/2013/11/08/lettera-al-sindacodi-villasor/

08/11/2013 www.pdf-archive.com

sette-domande-sugli-appalti-in-condominio 46%

se un datore di lavoro incarica una impresa o un lavoratore autonomo, diventa “datore di lavoro committente”.

https://www.pdf-archive.com/2019/07/25/sette-domande-sugli-appalti-in-condominio-1/

25/07/2019 www.pdf-archive.com

ordine del giorno problematica greggi 45%

La montatura mostrata al mondo è la caricatura di una città di pecore che abbassano la testa, o che sembrerebbe vivere di grettezza e allo stato brado, o dove la recente relazione sentimentale cominciata non molto tempo addietro tra una consigliera comunale ed un lavoratore, pizzaiolo polistenese emigrato, pastore per necessità, diventa elemento di scherno, socialmente ripugnante, probabilmente frutto di una inaccettabile concezione borghese e bigotta di società classista che classifica le persone in base al loro lavoro, alla loro condizione economica e sociale.

https://www.pdf-archive.com/2017/12/08/ordine-del-giorno-problematica-greggi/

08/12/2017 www.pdf-archive.com

adusodeiproprietari 43%

Il contratto dei proprietari di fabbricati copre praticamente tutte le tipologie di lavoratore utilizzabili nel condominio, ma se ai lavoratori per qualche motivo è stato applicato un CCNL diverso (turismo, terziario, commercio e servizi, o altro), le limitazioni e le deroghe cadono e il condominio - solo in questo raro caso - viene equiparato ad un’azienda e ogni obbligo della normativa di sicurezza sul lavoro diventa cogente, cioè applicabile, ed espone a sanzioni anche pesanti.

https://www.pdf-archive.com/2019/07/25/adusodeiproprietari-1/

25/07/2019 www.pdf-archive.com

Trib Vercelli Taverna Comune Casale M to (2) 42%

-che con lettera datata 17.06.2013 (doc.35), l’ARAN ha dato risposta ai quesiti posti dal Comune di Casale Monferrato in merito al personale turnista di Polizia Locale, sostenendo che “nel caso di prestazione lavorativa in giornata festiva infrasettimanale (…) al lavoratore turnista dovrà essere riconosciuto solo ed esclusivamente il particolare compenso previsto dall’art.22, comma 5, secondo alinea del CCNL del 14.9.2000”.

https://www.pdf-archive.com/2015/12/02/trib-vercelli-taverna-comune-casale-m-to-2/

02/12/2015 www.pdf-archive.com