PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



US020213 .pdf


Original filename: US020213.pdf
Author: c.salvi

This PDF 1.5 document has been generated by Microsoft® Office Word 2007, and has been sent on pdf-archive.com on 04/02/2013 at 12:53, from IP address 193.178.x.x. The current document download page has been viewed 923 times.
File size: 146 KB (1 page).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


Edizione di sabato 02 febbraio 2013 - Cronaca Regionale (Pagina 6)

1Nasce il movimento “Alleanza regionale”, leader è Carla Cuccu

Fuori dai partiti politici per dar voce alla società civile
Raccogliere i cittadini per una politica delle idee che proponga soluzioni
concrete: è l'Alleanza regionale dei movimenti civici e delle associazioni sarde.
Lo scopo è uno: recuperare la partecipazione dei cittadini alla «vera politica, quella delle
idee, che propone soluzioni concrete». Con questo obiettivo, Carla Cuccu, avvocato,
annuncia la nascita di “Alleanza regionale dei movimenti civici e delle associazioni sarde”,
«un movimento senza colore politico», spiega. La presentazione è avvenuta ieri mattina in
una sala del palazzo della Camera di Commercio di Cagliari, e «solo per un caso coincide
con la campagna elettorale per le politiche di fine mese», sottolinea l'avvocato Cuccu.
VOCE DEL POPOLO Questa, infatti, «è un'associazione aperta a tutti che si ripromette di
far sentire la propria voce. Per troppo tempo, infatti, abbiamo firmato delle deleghe in
bianco a politici che poi non hanno dato nessuna risposta ai problemi sollevati», aggiunge.
«La nostra associazione non ha niente a che vedere con la politica dei partiti»,
puntualizza. Per la verità nell'elenco dei fondatori (una dozzina di associazioni di tutta la
Sardegna in rappresentanza della società civile e del mondo produttivo) compare, anche il
Movimento 5 stelle di Beppe Grillo, seppure nella veste di spontanea organizzazione di
cittadini. «Il nostro non è un partito», ribadisce la neo presidente Cuccu, «ma un
contenitore che accoglie le istanze della società civile e cerca di trovare soluzioni alle
principali criticità che bloccano la Sardegna».
GLI OBIETTIVI Il punto di partenza è un nuovo modello di sviluppo sostenibile
incentrato su alcuni obiettivi chiave: rimodulazione della pressione fiscale, continuità
territoriale, dismissione delle servitù militari e zona franca. «Ne parlano tutti», spiega la
Cuccu, «ma dal 1998 esiste un decreto legislativo che istituisce in Sardegna la zona franca
in sei città. Se Regione, Comune e Autorità portuale avessero applicato la legge, come
abbiamo più volte richiesto, oggi la zona franca sarebbe realtà». La nuova associazione
irrompe con la precisa volontà di superare i vecchi schemi della politica «il cui fallimento è
sotto gli occhi di tutti», afferma la Cuccu. Ivan Garau, presidente del movimento artigiani
e commercianti del Sulcis, si lascia andare alle lacrime nell'annunciare la scelta di aderire
alla nuova associazione. «Mi scuso», dice, «ma la situazione che viviamo ogni giorno è
drammatica. I partiti ci hanno abbandonato, e noi facciamo i salti mortali per
sopravvivere».
Mauro Madeddu


Document preview US020213.pdf - page 1/1

Related documents


PDF Document us020213
PDF Document lq060313
PDF Document ns301212
PDF Document ns080113
PDF Document lettera il ponte
PDF Document ns260213


Related keywords