PDF Archive

Easily share your PDF documents with your contacts, on the Web and Social Networks.

Share a file Manage my documents Convert Recover PDF Search Help Contact



La Protezione Civile .pdf



Original filename: La Protezione Civile.pdf

This PDF 1.7 document has been generated by / Foxit PhantomPDF Printer versione 7.2.0.0424, and has been sent on pdf-archive.com on 05/12/2015 at 11:15, from IP address 157.27.x.x. The current document download page has been viewed 288 times.
File size: 1.6 MB (38 pages).
Privacy: public file




Download original PDF file









Document preview


LA PROTEZIONE CIVILE

Verona, 5\12\2015

1

LA PROTEZIONE CIVILE 4/10
Alcune domande sulla Protezione Civile:
Cos’è?
Chi è?
Quando si attiva?
Com’è organizzata?
Da quando c’è?
Gestione dell’Emergenza
Compiti
Responsabilità

Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

2

LA PROTEZIONE CIVILE 1/10
COS' E’?
Un SISTEMA DI COORDINAMENTO DELLE AZIONI delle Istituzioni, Enti,
Corpi che intervengono in caso di eventi calamitosi, catastrofi, situazioni di emergenza
in genere, a livello locale e nazionale, per garantire l’incolumità delle persone, dei
beni e dell’ambiente.

Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

3

LA PROTEZIONE CIVILE 2/10
CHI E’?

-DIPARTIMENTO DI PROT. CIV.-PCM
- REGIONI
-PREFETTURE-UTG
- PROVINCE
-COMUNI
- CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO
- FORZE DELL’ORDINE
- FORZE ARMATE
- CNSAS
- CRI
-ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO
-….il cittadino!
Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

4

LA PROTEZIONE CIVILE 3/10
QUANDO SI ATTIVA?

EVENTI NATURALI
Processi naturali che, per irregolarità e dimensioni delle manifestazioni, minacciano
l’esistenza dell’uomo e lo svolgimento delle sue attività:
- Meteorologici (alluvioni, nevicate, trombe d’aria, grandinate, siccità)
- Geologici/Idrogeologici (frane, smottamenti, erosioni, terremoti)
- Indotti (incendi boschivi\urbani)
EVENTI ANTROPICI
Processi connessi a situazioni artificiali, dovute ad iniziative ed attività dell’uomo, che
sottopongono gruppi o comunità di persone a minacce di inquinamento, guasti delle
comunicazioni, problemi generali di sicurezza ed incolumità:
- Industriali (esplosioni, nubi tossiche, rilascio sostanze pericolose)
- Infrastrutturali (incidenti aerei\ferroviari\marittimi, rilascio sostanze tossiche)
- Tecnologici (rotture reti tecnologiche e gasdotti, black-out)
- Sanitari (tossinfezioni, avvelenamenti, malattie infettive)
Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

5

LA PROTEZIONE CIVILE 4/10
COM’E’ ORGANIZZATA?

Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

6

LA PROTEZIONE CIVILE 4/10
1.PREVISIONE
- ANALISI DELLE CAUSE
- INDIVIDUAZIONE DELLE AREE PIÙ ESPOSTE
- IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI
- STUDIO DEL TERRITORIO
-FORMULAZIONE DEL PIANO DEI RISCHI

Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

7

LA PROTEZIONE CIVILE 4/10
2.PREVENZIONE
Partendo dalle conoscenze acquisite con le azioni di previsione, sono le attività tecniche
finalizzate a evitare o ridurre il prodursi di danni, a seguito di eventi calamitosi, con:
- ADOZIONE DI REGOLAMENTI E ATTUAZIONE DI INTERVENTI
DIRETTI A MITIGARE LE CAUSE DEL PERICOLO, MEDIANTE
L’OTTIMIZZAZIONE DELL’USO DEL TERRITORIO (SOSTENIBILITÀ);
- ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE VERSO LA POPOLAZIONE
PROMOZIONE DI COMPORTAMENTI AUTO-PROTETTIVI;

E

- COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E ORGANIZZAZIONI DI
VOLONTARIATO.

Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

8

LA PROTEZIONE CIVILE 4/10
3.EMERGENZA/SOCCORSO
AZIONI PER GARANTIRE ALLE POPOLAZIONI COLPITE DAGLI EVENTI CALAMITOSI OGNI
FORMA DI PRIMA ASSISTENZA, A CONTENERE L’IMPATTO E GLI EFFETTI DEGLI EVENTI.

Alessandro Tortorella -La Protezione Civile 2015-

9


Related documents


la protezione civile
protezionecivile in famiglia
piano di protezione civile
vocebarzaghi n4 240
cos e wenyard soft launch
documento0


Related keywords